BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 28 dicembre 2016

AVELLINO-CAPO D’ORLANDO 94-65. Scandone perfetta, il 2016 si chiude con un successo

Cala il sipario sul 2016 della Scandone. Un anno decisamente da ricordare per i tifosi biancoverdi. La Sidigas affronta la Betaland Capo D’Orlando dell’avellinese Iannuzzi. Il cestista è stato omaggiato con una targa ricordo e anche dalle due Curve del Pala Del Mauro. Obasohan sblocca dalla lunetta la sfida, Risponde Tepic. Diener, (Ex di turno) ha la mano calda, anche Joe Ragland per i lupi dimostra di essere il trascinatore della banda di Sacripanti. Gara equilibrata nei primi cinque minuti con i siciliani spavaldi, Stojanovic, Delas e Diener su tutti. Avellino, dal canto suo non forza le giocate facendo del giro palla l’arma più efficace, ci pensa Thomas a portare Avellino sul più due (13-11) al 6′. Entra Fesenko, per l’ucraino subito un gioco da tre punti. Palazzetto infuocato. Anche Randolph si iscrive a referto (20-15) all’8′. Obasohan allunga per i lupi (23-16) al 9′. Tripla di Green, cade il Del Mauro. Time out Orlandina. Il primo periodo termina 30-17. Stojanovic inaugura dalla lunetta il secondo quarto, 2/2 per il serbo. Risponde Ragland da tre punti, scatenato l’ex Olimpia Milano. Stojanovic non molla per i siculi e Sacripanti è costretto alla chiamata. Il talentino classe ’97 è un bel cestista. Iannuzzi, tradito dall’emozione sbaglia il tentativo di schiacciata, anche Avellino sbaglia ma a rimbalzo offensivo con Cusin e Randolph (Autore di una giocata da tre punti) padroneggia. Randolph sale in cattedra, Avellino si porta sul più diciotto (40-22) al 15′. Time out per coach Di Carlo. Tripla di Laquintana. Risponde il solito Ragland. Time out Sidigas, Sacripanti ha visto Ragland innervosirsi dopo alcuni contatti con Laquintana. Tepic e Archie avvicinano sensibilmente gli ospiti (45-30) al 19′. I roster vanno all’intervallo sul 47-32. Il terzo periodo si apre con un canestro di Tepic, abile a sfruttare un rimbalzo offensivo, per Avellino risponde Leunen. Alley-oop Ragland-Obasohan. Ragland la spara da tre, Avellino ancora avanti (54-36) al 23′. Thomas segna un canestro in allontanamento, Capo D’Orlando trova in Diener uno sbocco per recuperare, Cusin aggravato di quattro falli è costretto a sedersi in panca, l’azzurro sta incidendo poco nell’economia della Scandone in attacco infatti è fermo a 0 punti, ma in difesa è uno stoppatore eccelso. Difesa asfissiante della Sidigas e Green ci mette la manina (69-47) al 29′. Sale in cattedra anche Adonis Thomas, era ora che la guardia/ala della Sidigas dimostrasse il suo vero valore. Il terzo quarto termina 71-52, gli arbitri, tra i fischi del Del Mauro annullano una schiacciata di Randolph per fallo di Fesenko nel pitturato. Quarto periodo che inizia con un libero di Laquintana, si presume un fallo tecnico per un cestista irpino. Tripla di Green, esplode il palazzetto. Archie sbaglia una schiacciata e Green lo punisce con l’ennesima tripla della sua gara, 12 i punti messi a segno dal folletto di Philadelphia. Time out Di Carlo. Per Avellino minuti importanti anche per Zerini e Severini, Fesenko domina sotto i tabelloni e segna il suo decimo punto (84- 58) al 37′. Tripla di Iannuzzi, il cestista di Cesinali ha disputato una bella gara. Per Avellino dentro Parlato, standing ovation per il ” Clochard “. Dentro anche Esposito. Tripla di Parlato, il pala Del Mauro è in delirio. Termina 94-65.