BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 3 dicembre 2017

AVELLINO-CARPI 1-1. Mbakogu riprende Molina, i lupi non riescono più a vincere

AVELLINO-CARPI 1-1

Avellino (3-5-1-1): Radu; Ngawa, Migliorini, Marchizza; Laverone, Molina (42′ st Paghera), Di Tacchio, D’Angelo, Falasco (45′ st Camarà); Bidaoui (16′ st Ardemagni); Castaldo.

A disp.: Iuliano, Lezzerini, Moretti, Kresic, Gliha, Asencio, Evangelista, Suagher.

All.: Novellino.

Carpi (3-5-2): Colombi; Sabbione, Brosco, Poli; Pachonik, Verna, Giorico (43′ st Mbaye), Pasciuti, Saber (24′ st Belloni); Malcore (1′ st Nzola), Mbakogu.

A disp.: Serraiocco, Brunelli, Vitturini, Romano, Anastasio, Bittante, Saric, Calapai.

All.: Calabro. Arbitro: Di Martino di Teramo.

Reti: 10′ pt Molina, 33′ st Mbakogu.

Ammonizioni: Ngawa, Brosco, Laverone, Falasco, Poli

Note: Gara disputata allo stadio “Partenio-Lombardi” di Avellino.

di Leo M. Pecorelli

Continua il periodo grigio per l’Avellino. Quella che doveva essere la partita decisiva, per uscire dal periodo negativo, ha regalato soltanto un punto agli uomini di Novellino. Al “Partenio-Lombardi” termina uno a uno tra Avellino e Carpi. Gli irpini sprecano l’occasione di tornare alla vittoria, dopo tre pareggi e due sconfitte. Contro i romagnoli, l’inizio di gara è tutto biancoverde. Approccio grintoso dei padroni di casa, che dopo soli dieci minuti passano in vantaggio. Salvatore Molina, con un destro al volo dal limite dell’area di rigore, gonfia la rete. Colombi battuto. Avellino in vantaggio. Dopo la rete, gli irpini gestiscono bene la gara, concedendo poco agli avversari e risultando pericolosi con le ripartenze di Bidauoi e Molina. Primo tempo più che sufficiente, dunque, per i lupi. La ripresa, però, vede un netto calo fisico di quest’ultimi, che risultano meno aggressivi e più scarichi. Il Carpi comincia ad acquisire campo, e l’ingresso di N’Zola incrementa il peso dell’attacco. Alla prima occasione per gli ospiti, l’Avellino viene punito. Cross dalla destra per Mbakogu, Ngawa lo anticipa, deviando però nella propria porta. Autogol del belga e pareggio del Carpi. Biancoverdi beffati, a tredici minuti dalla fine. Entrano poi Paghera e Camarà, che, come da copione, non riescono a favorire la reazione offensiva irpina. Se di reazione si può parlare. La svolta, dunque, non arriva. Altra delusione in casa Avellino. Gli uomini di Novellino giocano soltanto un tempo, il primo, risultando sotto tono per tutto il resto del match. Quindi, vittoria rimandata e testa già a Cittadella.