BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 27 gennaio 2018

AVELLINO-CREMONESE 0-0. Lupi a reti bianche, si infortuna Castaldo

AVELLINO-CREMONESE 0-0

Avellino (4-4-1-1): Radu; Laverone, Migliorini, Ngawa, Marchizza; D’Angelo, De Risio, Di Tacchio, Bidaoui; Gavazzi; Castaldo (19′ pt Asencio).
A disp.: Lezzerini, Pozzi, Pecorini, Kresic, Falasco, Evangelista, Rizzato, Carbonelli, Wilmots.
All.: Novellino.

Cremonese (4-3-1-2): Ujkani; Cinaglia, Canini, Garcia Tena, Renzetti; Arini, Pesce (39′ st Cinelli), Cavion; Castrovilli (22′ st Piccolo); Brighenti, Paulinho (34′ st Scappini).
A disp.: Ravaglia, D’Avino, Procopio, Marconi, Putzolu, Macek, Gomez.
All.: Tesser.

Arbitro: Di Paolo di Avezzano.

Ammonizioni: Marchizza(A), Garcia Tena(C), Cavion(C).

Note: Gara disputata allo stadio “Partenio-Lombardi” di Avellino

di Leo M. Pecorelli

L’Avellino non va oltre il pari, in casa, contro la Cremonese. Al “Partenio-Lombardi” la gara tra le due compagini termina a reti inviolate. I biancoverdi, rimaneggiati per il match odierno, schierano Castaldo in attacco, affiancato da Bidaoui. Il numero 10 biancoverde, però, dopo soli 19 minuti è costretto a lasciare il campo. Al suo posto entra Asencio, che da vivacità all’attacco, risultando una spina nel fianco per la difesa lombarda. Ma il centravanti spagnolo sprecherà diverse ghiotte occasioni, sfiorando più volte il vantaggio. I padroni di casa, dunque, risultano poco cinici. Complice, certamente, anche l’eccessiva leggerezza offensiva dei biancoverdi, che con il solo Asencio, ausiliato dagli sprazzi tanto notevoli quanto sterili del solito Bidaoui, non riescono a concretizzare la netta superiorità vista in campo, contro gli uomini di Tesser. La Cremonese ha difeso per quasi tutto l’arco del match, arginando bene le iniziative offensive dei lupi, affacciandosi sporadicamente dalle parti di Radu, praticamente mai impegnato dagli ospiti, e portando a casa un pareggio senza particolari patemi d’animo. I padroni di casa, senza dubbio, avrebbero meritato di più. Così come mister Novellino, oggi, avrebbe meritato più opzioni. Soprattutto in fase offensiva. E per fortuna, il calciomercato non è ancora finito.