BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 11 maggio 2018

AVELLINO-SPEZIA 1-0. Decide Castaldo, i lupi vedono la luce

AVELLINO-SPEZIA 1-0

AVELLINO (4-3-3): Radu; Ngawa (8′ st Ardemagni), Kresic (38′ st Morero), Migliorini, Falasco; Gavazzi, Di Tacchio, Wilmots; Molina, Castaldo, Bidaoui (19′ st D’Angelo). A disp.: Casadei, Lezzerini, Moretti, Vajushi, Asencio, Morosini. All.: Foscarini.

SPEZIA (3-5-2): Manfredini; Corbo (24′ st Capelli), Terzi, Giani; De Col, De Francesco, Juande, Pessina (15′ st Mora), Lopez; Gilardino (22′ st Granoche), Marilungo. A disp.: Di Gennaro, Ceccaroni, Bolzoni, Forte, Augello, Awua, Maggiore, Masi, Mulattieri. All.: Gallo.

ARBITRO: Marinelli di Tivoli.

Reti: 31′ st Castaldo.

Ammonizioni: Pessina, Ardemagni

di Leo M. Pecorelli

Al “Partenio-Lombardi” la gara vale il prezzo del biglietto. Della Curva Sud. L’Avellino vince per uno a zero, grazie ad uno Spezia clemente e abbordabile. I biancoverdi non danno l’impressione, per tutti i novanta minuti, di meritare il bottino pieno. Gli ospiti, privi di motivazioni, mostrano a sprazzi di poter rovinare la giornata biancoverde fondamentale per la salvezza, ma non affondano. Tuttavia, l’Avellino riesce a conquistare tre punti cruciali per la corsa salvezza. La prima frazione di gioco è d’impronta spezzina. Gli uomini di Gallo mostrano corsa, tecnica e lucidità. I padroni di casa, privi di fantasia e di forza fisica, non mettono mai in difficoltà l’estremo difensore ligure. Nella ripresa la musica non cambia. L’Avellino continua a risultare sterile, creando pochi sussulti. Ma, al 76esimo, sembra di rivevere un dejavou di Avellino-Latina della scorsa stagione: Castaldo, sfruttando la complicità della difesa bianconera, insacca alle spalle di Manfredini. Avellino in vantaggio. Si scatena il “Partenio”. Con il minimo sforzo i “lupi” conquistano il massimo risultato. Ora, bisogna giocarsi tutto nell’ultima giornata, a Terni. Sperando di vedere un Avellino diverso. E sperando di trovare una Ternana somigliante allo Spezia di stasera.