BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 13 marzo 2018

BAIANO. Patron D’Avanzo loda la squadra e bacchetta i tifosi: “Intorno a noi poco entusiasmo”

Sette vittorie di fila e all’orizzonte una gara che potrebbe addirittura far saltare il banco ed aprire scenari inimmaginabili fino a poco tempo fa. Per il Baiano è senza dubbio il miglior momento della storia recente. Il sodalizio granata, il più longevo della provincia di Avellino a livello dilettantistico, si gode l’onorevole piazzamento play off ed è pronto, con il morale a mille e la mente sgombra da tensione o assilli, alla prova della verità in casa della capolista San Tommaso. Una sfida, insomma, che potrebbe proiettare i granata ancora più su in classifica.

Dobbiamo ritenerci già soddisfatti di tutto quello che abbiamo fatto – afferma il presidente Antonio D’Avanzo – vincere sette gare di fila e giocarsi addirittura un piazzamento per i play off è senza dubbio incredibile tenendo presente che la nuova società si è formata solo pochi mesi fa e avevamo programmato il raggiungimento di una salvezza tranquilla”. Tutto è cambiato ad inizio del girone di ritorno. “Devo ringraziare i ragazzi, l’allenatore e tutto lo staff perché hanno mostrato un carattere encomiabile e un senso di attaccamento alla maglia invidiabile. E’ grazie a loro che tutti noi oggi viviamo un sogno e ci apprestiamo a disputare le ultime gare della stagione con la consapevolezza di poterci togliere soddisfazioni importanti”.

Il presidente del Baiano, però, trova il pelo nell’uovo. “Purtroppo – afferma – devo rilevare lo scarso entusiasmo dei tifosi intorno alla squadra. Abbiamo vinto sette gare di fila, ci apprestiamo a contenderci un posto negli spareggi promozione per l’accesso alla categoria superiore, ma non è possibile che dobbiamo registrare l’indifferenza dei tifosi. Sabato, in occasione del derby, ho avuto modo di riscontrare che siamo stati completamente snobbati dai nostri supporters. Lo stadio era praticamente mezzo vuoto. Eppure ricordo che negli scorsi il Baiano faceva registrare presenze di pubblico molto superiori rispetto ad oggi. Al “Bellofatto” il clima che rendevano i tifosi era straordinario tale da mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Invece oggi non riusciamo a convogliare più di un certo numero di tifosi a seguito della squadra. Mi auguro che quanto prima si possa finalmente invertire la rotta”.