BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 12 novembre 2017

CAROTENUTO-BAIANO 1-1. Sugli spalti vince la sportività: comportamento esemplare delle due tifoserie

Un derby tranquillo dentro e fuori dal campo. Grande lezione di sportività quella che arriva dallo stadio “Sanseverino” di Mugnano del Cardinale dove nel pomeriggio di domenica si sono affrontati i locali contro il Baiano. La giornata soleggiata con temperatura gradevole ha favorito la creazione di un colpo d’occhio notevole presso l’impianto sportivo mugnanese. Erano circa seicento, infatti, gli spettatori assiepati sugli spalti.

Tra le due tifoserie nessun episodio degno di cronaca, ma solamente elogi, dopo il match, per il loro comportamento esemplare. La macchina organizzativa del derby si era messa in moto già nei giorni scorsi quando i dirigenti delle due società hanno avuto dei contatti per far si che il tutto procedesse tranquillamente. I tifosi del Baiano, circa duecento, facevano il loro ingresso nello spazio appositamente delimitato senza generare problemi ed hanno incitato i loro beniamini per tutti i novanta minuti. Discorso analogo sul fronte mugnanese.

All’ingresso in campo, a fare da preambolo ad una giornata all’insegna del fair play e della sportività, i calciatori delle scuole calcio delle due società che, come in serie A, hanno accompagnato i ventidue protagonisti fino al cerchio di centrocampo. Ad aggiungere ulteriori lodi ad un comportamento ineccepibile su entrambi i fronti i presidenti Ciro Annunziata e Antonio D’Avanzo (quest’ultimo squalificato come calciatore). I due, oltre ad essersi contattati in settimana per la comunicazione del derby al giorno di domenica anziché sabato, si sono salutati prima del match e hanno assistito alla gara quasi l’uno vicino all’altro.

In campo il comportamento dei ventidue è praticamente corretto anche se non manca qualche momento di puro e sano agonismo che un derby non si fa mai mancare.

Al triplice fischio finale, infine, ultimo momento di grande sportività con i calciatori delle due squadre che salutano entrambe le tifoserie.

Il comportamento del “Sanseverino”, vista anche un record di presenze che resisteva almeno da dieci anni, ha rappresentato uno spot da prendere in considerazione per il calcio.