BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 18 maggio 2017

CAROTENUTO. Il capitano Montuori: “Gioia immensa per la Promozione, peccato per chi ha gufato. Senza Annunziata…”

di Leo M. Pecorelli
Capitano, bandiera, leader carismatico, trascinatore e mugnanese doc: Nicola Montuori festeggia la promozione del suo Carotenuto. Il capitano rossonero, al termine della vittoriosa stagione dei locali, a tutto campo dichiara: “Siamo contenti per la promozione. Peccato, però, per il poco entusiasmo che ha accompagnato il paese in occasione di quest’importante traguardo raggiunto. Probabilmente qualcuno non si aspettava questo risultato e ha gufato fino all’ultimo istante. Mi dispiace per loro. Ricordo bene, invece, l’entusiasmo e il calore di sette anni fa. Certamente, alcune dichiarazioni da parte di qualche personaggio potevano essere evitate. Bisogna pensare al futuro, non al passato. Inoltre, è giusto dire che questa società ha sempre voluto applicare una filosofia filo-mandamentale. Quest’estate sono stati chiamati diversi calciatori affermati di Mugnano, che non hanno dato la loro affidabilità, preferendo altre strade. Ma poi, ci siamo mai chiesti che fine avrebbe fatto il Carotenuto se non ci fosse stato Annunziata? Tutti i dirigenti erano interessati, ma nessuno si faceva avanti. Il presidente ha preso la squadra sul comune, quando nessun mugnanese aveva mostrato un progetto concreto. Dunque, dico che bisogna soltanto ringraziare questa società, che ha restituito ai tifosi la categoria che gli compete meglio, e non criticarla. Si rischierebbe di risultare incoerenti.
Smorzate e chiarite le polemiche alimentate nelle ultime settimane, Montuori prosegue affermando: “E’ stato un anno travagliato, ma alla siamo comunque riusciti a trionfare nettamente. Vincere, si sa, non è mai semplice. E’ stato determinante, a mio avviso, l’esonero di Papa: l’allenatore più scarso che abbia mai avuto, sotto tutti i punti di vista. Per il prossimo campionato il progetto continua ad essere ambizioso. Vogliamo ambire ad un campionato di vertice, e sarà necessario confermare parte dell’ossatura di questa rosa, con l’aggiunta di under validi. Ai tifosi, quelli sempre presenti, non trovo modo per ringraziarli. Sono stati unici ed encomiabili, in casa e fuori. Agli altri, faccio un appello: riempite il “Sanseverino” ogni partita casalinga, così come sette anni fa. Mugnano calcistica merita l’appoggio e il calore del tifo rossonero. Vogliamo riscrivere la storia, raggiungendo traguardi importanti.