BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 3 dicembre 2017

CAROTENUTO. L’effetto Arnone è devastante: dopo un mese la Mugnano calcistica rivede la luce

La coperta lunga esalta mister Arnone. Non solo la capacità di adattarsi in una situazione al limite della sostenibilità circa un mese fa, ma anche il merito di aver dimostrato, come da lui ampiamente prefissatosi, che questa squadra al top desse fastidio a chiunque. Alla prima occasione utile, e che occasione se si considera la sfida salvezza, l’esperto tecnico con i gradi di manager nel Carotenuto, non ha affatto steccato.

Le operazioni di mercato condotte con il presidente Annunziata, hanno in pratica rispettato le attese. Con i tasselli giusti al posto giusto il tecnico Arnone è riuscito a prevalere in una non facile trasferta e ad esaltare, ancora una volta, le caratteristiche dei singoli in un contesto collegiale.

Vedere lottare il Carotenuto giocare in maniera soddisfacente, ma lottare per la salvezza, ancora in questo momento, sembra davvero incredibile. Continuando sulla strada intrapresa, all’insegna della determinazione, del coraggio e della spensieratezza, senza caricare di eccessive tensioni o attese i suoi ragazzi, si sta rivelando l’arma in più. In tre gare prima del mercato Arnone è riuscito a tamponare a dovere senza caricare di eccessive responsabilità i suoi nuovi calciatori. Accontentandosi di una rosa ridotto all’osso ha pareggiato il derby con il Baiano e ha espugnato Lioni. Nulla ha potuto contro il Paolisi, ma quando ha avuto i rinforzi dal mercato ecco che la sua spinta si è rivelata determinante con il blitz al “Valleverde” che vale tanto per la stagione del Carotenuto. Ciò che ha sorpreso della cura Arnone la capacità di rigenerare calciatori che nella prima fase della stagione erano finiti ai margini. Con lui stanno trovando spazio, e si stanno esaltando, alcuni giovani Under; mentre gli Over stanno tornando ai loro livelli stimati.

A due giornate dalla fine del girone di andata la formazione mugnanese riacquisisce credibilità e consapevolezza nei propri mezzi. Grazie alla prima parte della gestione Arnone il peggio sembra essere passato.