BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 28 aprile 2018

CARPI-AVELLINO 0-0. Pari a reti bianche al “Cabassi”

CARPI-AVELLINO 0-0

CARPI (3-5-1-1): Colombi; Poli, Ligi, Brosco; Pachonik, Jelenic, Verna, Mbaye, Pasciuti (20′ st Garritano); Sabbione (30′ pt Concas); Melchiorri (45′ st Mbakogu). A disp.: Serraiocco, Concas, Giorico, Malcore, Di Chiara, Palumbo, Bittante, Saric, Calapai, Saber. All.: Calabro.

AVELLINO (4-4-1-1): Radu; Gavazzi, Ngawa (8′ pt Laverone), Migliorini, Marchizza; Vajushi, De Risio, Di Tacchio, Molina; Asencio (14′ st Morero); Ardemagni (30′ st Castaldo). A disp.: Casadei, Lezzerini, Moretti, D’Angelo, Falasco, Morosini, Laverone, Wilmots. All.: Foscarini.

Arbitro: Rapuano di Rimini.

Ammonizioni: Gavazzi, Mbaye, Garritano, Poli.
Espulsioni: 12′ st Marchizza.

di Leo M. Pecorelli

Ennesimo scialbo pareggio stagionale, a reti inviolate, dell’Avellino. Al “Cabassi” di Carpi termina zero a zero tra gli emiliani e gli irpini. L’Avellino, come di consueto, privo di mordente, non mostra mai di poter conquistare i tre punti, nonostante un Carpi svogliato e assente. Entrambe le compagini sembrano passeggiare per novanta minuti e il match risulta monco di emozioni. Più che al Carpi, ormai senza obiettivi stagionali, la vittoria serviva necessariamente all’Avellino, ora in piena zona play-out. Ma, ancora una volta, nel momento decisivo e cruciale, i biancoverdi mostrano poco carattere e determinazione nell’ottenere il cambio di rotta tanto atteso. Senza nemmeno un tiro in porta in tutta la gara, l’Avellino mantiene e gestisce un pareggio che serve minimamente a muovere la classifica. Gli uomini di Foscarini, dunque, continuano a navigare nella mediocrità. E la salvezza, considerando anche i risultati delle altre concorrenti, risulta tutt’altro che abbordabile.