BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 19 febbraio 2015

NUTRUZIONE&BENESSERE. L’attività fisica riduce i rischi tumorali. A cura della dott.ssa Orefice

Lo sostiene anche uno studio americano: effettuare attività fisica riduce il rischio di tumori. La dott.ssa Giuseppina Orefice affronta l’argomento nella tradizionale puntata della rubrica di successo di Mandamento Notizie “Nutrizione&Benessere“.

Un comunicato stampa pubblicato qualche giorno fa dall’ Academy of Medical Royal Colleges sottolinea ancora una volta quanto sia importante per la prevenzione il movimento. Un’attività fisica moderata, infatti, aiuta a ridurre il rischio di molte patologie collegate al benessere (diabete, malattie cardiovascolari, steatosi epatica, ictus) e alcune tipologie di tumore. Dopo due anni trascorsi ad analizzare più di 200 ricerche, uno degli autori, Scarlett McNally, chirurgo ortopedico, rivela l’impatto che una regolare attività fisica potrebbe avere sulla salute.

Ecco nel dettaglio quanto emerso dall’analisi: praticando 30 minuti di attività fisica al giorno per cinque giorni a settimana il rischio di cancro al seno può essere ridotto fino al 25%, mentre il cancro intestinale rischio può essere ridotto fino al 45% con l’esercizio fisico regolare; Il rischio di sviluppare demenza può essere ridotto fino al 30%; Il rischio d’ ictus del 30% e le probabilità di sviluppare malattie cardiache possono essere ridotte dal 40% al 30%. L’effetto dell’esercizio fisico in fase preventiva è meglio di molti farmaci, rivela dunque, la ricerca. Non è necessario secondo lo studio ricorrere a strategie costose come palestra o personal trainer per ottenere azioni miracolose sulla salute, bisogna solo munirsi di tanta buona volontà e iniziare un’attività fisica regolare e leggera, semplice e facile da praticare come una passeggiata, oppure rinunciare all’auto e spostarsi in bicicletta, fare le scale invece di usare l’ascensore, giocare all’aperto con i figli o i nipotini. L’unico rammarico di Dame Sue Bailey, presidente della Academy of Medical Royal Colleges è che l’esercizio spesso non viene prescritto dai medici che invece dovrebbero incoraggiare i pazienti verso questa buona pratica. Essere attivi, dunque, è una cura miracolosa.

“Exercise: The miracle cure and the doctor’s role in prescribing it”- Academy of Medical Royal Colleges – Comunicato stampa del 13 Febbraio 2015

www.nutrizionistaorefice.it