BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 13 marzo 2018

SIRIGNANO. Torti arbitrali, Accetta si “auto espelle” a gara in corso: “Meritiamo rispetto”

Trovare appigli alla stagione al di sotto delle attese non è nel suo stile, ma quando perde le staffe Filomeno Accetta non è uno che le manda a dire. Il tecnico del Sirignano nello scorso fine settimane, nella gara persa dai blucerchiati tre a due contro il San Valentino che probabilmente ha pregiudicato il cammino verso la rincorsa per i play out, è stato protagonista di una protesta abbastanza singolare. Il tecnico, nel corso del secondo tempo, in seguito all’ennesimo quanto discutibile errore arbitrale, quello della sig.ra Scarica, ha deciso di richiamare l’attenzione del fischietto e di “auto espellersi”. Era il trentesimo della ripresa e la decisione del tecnico blucerchiato ha suscitato non poco rumore.

Quant’è troppo è troppo – afferma Accetta – sia io che il Sirignano ci mettiamo la faccia e non cerchiamo di certo escamotage per giustificare una sconfitta. Al cospetto dell’ennesimo “orrore” arbitrale nella gara di sabato ho deciso di fare un gesto così plateale, che rifarei anche altre mille volte, perché andando per le lunghe ci sentiamo presi anche in giro. I calciatori e la società del Sirignano stanno facendo tanti sacrifici e tutti sul rettangolo di gioco lottiamo per conquistare un risultato sportivo cercando di giungere alla fine del torneo a testa alta. Dispiace però che il più delle volte si presentano in campo direttori di gara non all’altezza della situazione e sicuramente non pronti per gestire determinate situazioni. La nostra società nel corso degli anni ha fatto di tutto per collaborare, per aiutare il movimento arbitrale, ma ci rendiamo conto che tutto quello che si prova a fare non basta. Nel corso di questa stagione ne sono capitate davvero tante, innumerevoli torti che alla fine in classifica ci stanno penalizzando fortemente. Noi del Sirignano, società e tesserati tutti, meritiamo rispetto”.

Per il Sirignano la situazione di classifica è quasi compromessa. Il penultimo posto per cercare di evitare la retrocessione diretta in Seconda Categoria e guadagnarsi un posto nei play out nei termini del regolamento dista già quindici punti…Ad undici gare dalla fine la situazione è molto delicata.