BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 7 giugno 2016

SPERONE. Alla Colomba manca sempre qualcosa: e l’Orologio resta un tabù

Doveva essere una rivincita, ed invece finisce amaramente come la prima volta. Per Antonio Venezia ecco la seconda debacle nella scalata verso la vittoria delle elezioni. Contrastare l’Orologio risulta difficile e per il candidato della Colomba, oggi come quindici anni fa, non c’è fortuna.

La corazzata storica della famiglia Alaia continua la sua marcia trionfale di vittorie e la Colomba, ancora una volta, si lecca le ferite. Tante, al momento, le interpretazioni sulla sconfitta degli sfidanti. Tanti interrogativi, rispetto a scelte, metodologie ed altro, che fanno si che la missione storica di spodestare la famiglia Alaia resta ancora una volta una chimera.

La candidatura di Venezia sembrava essere stata accolta con entusiasmo. Invece, a conti fatti, ancora una volta il popolo ha rispedito al mittente il modus operandi della Colomba.

Dopo essersi avvicinata al minimo storico nel 2011 (circa cinquanta voti di scarto), la Colomba tracolla nuovamente avvicinandosi a circa seicento voti. Alla storica alternativa speronese, insomma, sembra mancare sempre qualcosa. La riflessione per capire cosa non è andato nemmeno questa volta è aperta.