BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 11 Settembre 2019

AVELLA. Finale dei festeggiamenti: sul palco sale Mietta

Si concluderanno questa sera ad Avella i festeggiamenti in onore dei patroni San Sebastiano e della Madonna delle Grazie. In piazza Municipio a partire dalle ore 20.30 salirà sul palco la nota cantautrice Mietta. Atteso, dunque, il pubblico delle grandi occasioni.

Nata Daniela Miglietta (Taranto, 12 novembre 1969), nel 1987 esordisce come attrice nello sceneggiato radiofonico “Nasce una stella”, radionovella di circa 240 puntate per la Rai. Inizia la carriera musicale debuttando al Festival di Sanremo nel 1988 con “Sogno” scritta da Claudio Mattone. Nel 1989 vince il Festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte con “Canzoni” scritta da Amedeo Minghi ottenendo anche il premio della critica (oltre 100.000 copie vendute, disco di platino). Le viene inoltre assegnato il Telegatto d’argento come miglior artista emergente dell’anno.

Nel 1990, in coppia con Amedeo Minghi, arriva terza al Festival di Sanremo con “Vattene amore” (oltre 300.000 copie, 3 dischi di platino). Nello stesso anno esce il suo primo album “Canzoni” che viene pubblicato anche in Europa (oltre 600.000 copie, 6 dischi di platino). Le vengono assegnati anche due telegatti d’oro: uno per “Vattene amore”, l’altro come migliore interprete femminile dell’anno. Nel 1991 è di nuovo a Sanremo con il brano “Dubbi no” (disco d’oro).

Esce poi l’album “Volano le pagine” contenente, oltre all’hit sanremese di Amedeo Minghi, “Il gioco delle parti” di Mariella Nava con cui partecipa al Festivalbar, brani scritti da Mango e Biagio Antonacci e un omaggio a Sarah Vaughan.

Nel 1992 esce “Lasciamoci respirare” registrato a Londra e suonato da musicisti americani tra cui Geoff Westley. Mietta canta l’omonimo singolo, scritto da Biagio Antonacci, con Francesco Nuti. In questo lavoro Mietta esordisce come autrice nei brani “Vivrò vivrai vivremo noi” e “Donna del sud”. Tra gli altri autori Sergio Laccone, che firma “Sto Senza Te”, Antonello De Sanctis e Philippe Leon. Nei video delle hits “Gente Comune” e “Acqua di Mare” l’attore e modello Brando Giorgi.

Nel 1993 partecipa al Festival di Sanremo con una canzone scritta da Nek, “Figli di chi” accompagnata dal gruppo I Ragazzi di Via Meda. Nel 1994 pubblica “Cambia pelle”, l’album che segna una svolta funky, blues e hip-hop (disco d’oro). Tra gli autori del disco vi sono Gatto Panceri, Scarlett Von Wollenmann (che firma il brano che dà il titolo all’album), e Danilo Pao. “Fuori da te raggiunge” la vetta dell’airplay radiofonico.

Nello stesso anno Mietta duetta con Riccardo Cocciante nei brani “E pensare che pensavo mi pensassi almeno un pò” e “Sulla tua pelle”. Nel 1995 pubblica “Daniela è felice”: album di trip/hop misto a soul e hip/hop prodotto e scritto da Michele Centonze. Tra i musicisti anche il bassista Saturnino Celani. Tra le canzoni una cover di Bill Whiters. Il video di “Oggi Dani è più felice” vince un premio in Inghilterra come miglior video straniero.

Nel 1996 Mietta presta la sua voce al personaggio di Esmeralda nel film d’animazione Disney “Il gobbo di Notre Dame” e interpreta la colonna sonora cantando “Dio fa qualcosa”. Nello stesso anno insieme a Natalia Estrada compare come attrice nel video “Menta e Rosmarino” di Zucchero. Nel 1997 esordisce come attrice ne “La piovra 8 -lo scandalo” di Giacomo Battiato. Nel 1998 l’album “La mia anima”, omaggio alla Black-Music, ottiene il disco d’oro. “Angeli noi”, cover di “We all need Love” di Dominique Troiano, staziona nella zona hot delle classifiche radiofoniche per tutta l’estate. Nel disco oltre alle cover di Donna Summer e Anita Baker, anche l’inedito “Un uomo per cui ucciderei” scritta da Fish e Tormento.

Nel 1999 recita nella fiction “L’ispettore Giusti” di Sergio Martino, accanto ad Enrico Montesano.

Nel 2000 Mietta pubblica la sua prima raccolta di successi “Tutto o niente” (disco di platino) contenente anche “Fare l’amore” di Mango presentata al Festival di Sanremo e “Ancora insieme a te”, cover degli Shalamar, che presenta al Festivalbar. Nel 2001 recita nel film per la TV “Donne di mafia” di Giuseppe Ferrara. Nel 2003 esce “Per esempio… per amore” album con sonorità elettro-pop e arabeggianti realizzato con la collaborazione dei fratelli Mango, anticipato un anno prima dal singolo “Shisa”. Roberto Buti è l’autore della ballad “Vivo senza te”. La chicca è una reinterpretazone di “Sentirti” brano di Mango inerpretato negli anni ’70 da Patty Pravo.

Nel 2004 partecipa al Festival di Sanremo in coppia con Morris Albert con il brano “Cuore”. Nel 2005 partecipa al reality show “Music Farm”. Nello stesso anno esce solo per le radio il singolo Bugiarda, scritto da Dee Kay, autore e produttore dei Blue. Nel pezzo R&B Mietta si avvale della collaborazione di Marya, nota rapper italiana. Nel 2006 dopo aver duettato con Renato Zero nel “Zero Movimento” Tour, pubblica l’album “74100”: anticipato dal singolo “Il Fiore”, l’album prodotto da Fabio Massimo Colasanti, vira al pop/rock includendo collaborazioni con vari artisti del pop moderno: Neffa, Mario Venuti, Mariella Nava, Valeria Rossi, Simone Cristicchi, Jeriko, Francesca Tourè, Valentina Ducros e due autori statunitensi (Dee Kay e Martin Briley). Nel disco anche due splendide ballad: “Dopo di me” e “Resta qui”. Nel 2008 partecipa a Sanremo con la canzone “Baciami adesso”.