BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 21 Febbraio 2021

ADDIO PIO/Alaia: “Una grande perdita per la comunità”

La notizia della scomparsa di Pio ha scosso profondamente la comunità speronese. Stefanelli, 33 anni, era un giovane amato e considerato da tutti. Il suo attivismo nel mondo del sociale ne faceva una figura di riferimento per tutta la comunità. Nel corso della sua breve vita Pio ha affrontato tantissimi momenti duri, ma della sua sofferenza nemmeno l’ombra. Entusiasmo e voglia di vivere ne facevano di Pio uno dei giovani dinamici e propulsivi. Dopo esser guarito dal Covid, il giovane speronese era tornato al policlinico “San Martino” di Genova. Qui era stato già ricoverato negli anni addietro, e qui attendeva il duplice trapianto di fegato e rene per regalarsi un prosieguo di esistenza senza difficoltà. Il suo cuore, però, di fronte all’ennesimo stato di sofferenza epatica, non ha retto, e si è fermato, purtroppo, sabato mattina. Gettando nell’incredulità i suoi familiari e tutta la comunità. “Di Pio – afferma il sindaco di Sperone Marco Santo Alaiaconserveremo il ricordo di una persona che ha sempre combattuto contro una sorte avversa, riuscendosi a regalare tantissime soddisfazioni. La sua laurea e l’inserimento nel mondo del lavoro, ne confermano quelle che erano le sue straordinarie doti. Pio – precisa ancora il primo cittadino – grazie alla sua passione e alla dedizione per le tradizioni di Sperone, era molto attivo nel mondo socio culturale. Un impegno sempre diretto a tutte le iniziative del paese. Un esempio lodevole del rendersi utile alla causa del paese di cui sicuramente avvertiremo la mancanza”.

Per la comunità di Sperone non è certamente uno dei momenti più felici. Pochi mesi fa, un altro decesso di un giovane (Felice Peluso, ndr) aveva turbato la tranquillità del paese. Così come in quella circostanza, a causa delle restrizioni della pandemia, non sarà possibile tributare l’ultimo saluto al giovane 33enne. “Sicuramente – afferma Alaia – quando i tempi lo consentiranno, ci saranno manifestazioni per poter ricordare i nostri giovani scomparsi prematuramente”.

La salma di Pio si trova nell’obitorio dell’ospedale del capoluogo ligure. Prima della riconsegna alla famiglia per permettere il viaggio di ritorno a Sperone, ci saranno da sbrigare le procedure burocratiche che potrebbero durare ancora diverse ore.