BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 11 Aprile 2021

“Aprile Dolce Dormire, Gli Uccelli a Cantare e gli Alberi a Fiorire”

APRILE DOLCE DORMIRE, GLI UCCELLI A CANTARE E GLI ALBERI A FIORIRE

Sòngo Abbrìle, a primmavèra

chèlla ‘nnammuràta mìa

me rà tanta simpatìa

che me fà verticillà.

Oggi è tùtta spampanàta

‘e vestìte mièi m’accumpàgnano,

primmavèra vòglio varè.

Chèlla dònna è ‘ccussì ‘bbèlla,

chèlla dònna che sciùre

‘e moltissimi culùri,

p’Abbrìle chest”o fà.

I’ sòng’ ‘o mèse rè figliòle

e le facce ‘nnammurà;

i’ òggi ve vèco ‘cchiù allisciàti,

cu lu sciòro i’ stò cà.

Sò fiorista e vènno ‘e sciùri,

vènno ‘e sciùri a ‘stù fiorìsta,

ècco cà che se fànno ‘a pruvista,

mò che vène Màggio,

apprièsso stà”.

Nella rappresentazione folclorista dei “Dodici Mesi“, ossia “‘E rurici mìse“, messa in scena dalla compagnia “‘Zì Arturo ‘o Chiappariello, ad Avella, che avviene, nel periodo carnevalesco, per il passato, era interpretato da Aniello Montano “‘O Pellicano“, e, ai nostri giorni, da Pasquale  Biancardi, “‘O Cuozz’“, nelle principali piazze avellane e del comprensorio avellano – baianese.

E’ il mese, unitamente, a maggio e giugno, che rientra nella stagione della primavera, che va, nel nostro emisfero, dall’equinozio del 21 marzo al solstizio del 21 giugno, mentre nell’emisfero australe, inizia nel mese di settembtre, per finire il 23 dicembre, tanto che si dice “Fatica a terra/quando ‘o tiempo è asciutto“.

La primavera deriva dalla parola latina “Ver, Veris“, nel significato di “stagione primaverile” e di “primavera“, in senso proprio, mentre aprile, che, anticamente, era il secondo mese dell’anno, si rifà, sempre, alla cosiddetta lingua morta, e, quindi, al verbo “aperioaperire“, in italiano (Aprire), poichè è il mese, nel quale la natura apre il suo seno e di conseguenza, seminando, si apre la stagione di primavera ed ecco come subentra il proverbio su indicato.

In verità, non è un mese ricco di proverbi e non possiamo asserire quando ci possa essere di vero che se piove il quattro, continuerà a piovere per quaranta giorni, “Quattro abbrillante/juorne quaranta“.

I proverbi che, riguardano il suindicato, ruotano tutti intorno alla poco stabilità del tempo, così come “Abbrile, còccate ambresso/e susete matino“, nonchè “Abbrile, quanne chiagne e quanne rire“.

Inoltre, il suddetto, in occasione del giorno 5, in cui si verifica un gran freddo, è stato abbinato ad agosto, nel proverbio “Santu Vicienze c’à freddezza/San Lurenze cu gran calura/tutt”e dui poche rura“.

La caratteristica, però, si base sul famoso primo giorno, che, qualcuno, per stare nella brurla, ha celebrato, per l’ilarità della gente e il felice coronamente del loro amore, le proprie nozze.

Comunque, l’antonomasio “Pesce d’Aprile“, presenta numerosissimi aneddoti sulle proprie origini e, per citarne uno, ricordiamo che, con calendario gregoriano, il capodanno fu spostato al primo di gennaio, però, accadde  che la novità non fu recepita da tutti.

Allora ci furono quelli che, o per ignoranza o per amore della tradizione, continuarono a festeggiare il 1° aprile, per cui furono additati da tutti come sciocchi di aprile ed infatti, in inglese la ricorrenza si chiama proprio April Fools’ Day, (giorno degli sciocchi d’aprile).

Molti, giustamente, ci si chiede il perchè sia stato scelto il pesce, che si è fatto sempre gli affaracci suoi, come simbolo della manifestazione, ed anche in questo caso, bisogna far scendere in campo Cleopatra e alla burla da lei escogitata ai danni dell’amante Marco Antonio, che, in  una gara di pesca, per non correre il rischio di una umiliante sconfitta da parte della regina d’egitto, aveva incaricato uno schiavo di attaccargli di nascosto le prede all’amo, ma la figlia di buona madre, accortasi dell’inganno, fece attaccare all’amo, un gigantesco pesce finto rivestito di pelle di coccodrillo e il povero “scimunito” venne sconfitto. ma chiudiamo, sempre e soprattutto, ricordandoci ” ‘O Primme r’Abbrile, tutti ‘e fessi, stanne ‘ncammine“.