BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 4 Giugno 2021

AVELLA 21. Moccia e Salapete a carte scoperte: “Noi siamo per Chiara Cacace”

Raffaele Moccia e Michele Salapete si schierano dalla parte di Chiara Cacace. I due esponenti della società civile, il secondo già amministratore nel primo mandato Biancardi, escono allo scoperto con il gruppo “Noi”

Noi, Salapete Michele, già Consigliere comunale di Avella, in linea d’anni con gli interessi di una collettività caratterizzata da grandi, ma appiattite potenzialità economiche e di sviluppo e Moccia Raffaele, persona da sempre impegnato nel Sociale in attività di reale aggregazione degli Avellani, da anni affianco del quotidiano a quella parte di paese in cui ormai da troppo tempo la politica non offre risposte né di reale investimento né di possibilità di miglioramento e rispetto di equità, sposano il percorso politico intrapreso dall’avvocato Chiara Cacace nel maggio 2016 con la lista “Cambia Avella” ritenendo che lo stesso debba avere continuità rilevato il senso di appartenenza al paese mostrato in questi anni.

L’Avv. Chiara Cacace è la persona che può effettivamente dare una svolta costruttiva al paese, che può quanto meno rappresentare ad oggi un’opportunità che il paese deve cogliere, dando una vera spallata ad un modus operandi dei Consiglieri e del Sindaco dell’attuale maggioranza amministrativa che hanno determinato un debito pubblico altissimo difficile da ripianare nei prossimi anni. Crediamo nel progetto politico amministrativo messo in campo fin ora dall’avvocato Chiara Cacace e dal gruppo di “Cambia Avella” e riteniamo che debba essere un punto d’inizio al fine di costruire una comunità che guardi al futuro consenso pratico, con semplicità ed umiltà e correttezza nonché trasparenza nell’agire.

L’Avv. Chiara Cacace è oggi non il punto di arrivo, ma di partenza di un progetto politico Avellano ambizioso e difficile e per quanto ci riguarda, come già sostenuto dagli altri amici Noi saremo con Lei. Occorre un progetto politico credibile che permette al Paese che ormai è scoraggiato di alzare la testa, di non piegarsi e soprattutto di speranza per i giovani. Da qui si parte per invertire la rotta.