BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 28 Ottobre 2020

AVELLA. 93 positivi (67 in 4 giorni), il sindaco in campo per prevenire la diffusione del Covid-19

Momento delicatissimo. I contagi da Covid-19 aumentano senza sosta e dietro l’angolo, con i risultati dello screening di domenica scorsa in arrivo, l’emergenza totale potrebbe essere in arrivo.

Ad Avella nulla è come prima. Il sindaco Domenico Biancardi ci aveva visto giusto circa una settimana fa. Aveva captato il rischio persistente nella comunità e decise di attuare un’ordinanza restrittiva per provare a contenere il contagio. Un’azione estrema, quella prevista dall’ordinanza, per dare una scossa. Misure restrittive meticolose per tentare di salvare il salvabile. Malgrado l’ottemperanza e la compostezza della cittadinanza, però, nulla è bastato. “I cittadini devo ringraziarli perché con il rispetto delle regole mi stanno dando una mano non indifferente per gestire questo particolare momento”, afferma la fascia tricolore. Il ritmo con cui i positivi aumentano giorno dopo giorno, infatti, è impressionante e quindi Biancardi, dal canto della sua determinazione con cui sta gestendo questo particolare momento, potrebbe decidere di passare allo step successivo. Ovvero quello della richiesta dell’istituzione della zona rossa vera e propria al Governatore della Regione Campania Enzo De Luca. L’azione ufficiale a palazzo Santa Lucia potrebbe partire già nella mattinata di mercoledì. “Da solo non posso farcela. C’è bisogno di maggiori controlli. Uno dei due vigili è positivo, due dei quattro vigilini anche. Alcuni dipendenti del comune hanno contratto anche loro il Covid-19. Occorre un sostegno per cercare di prevenire ulteriori contagi”.

Contenere la diffusione della pandemia sta rappresentando molto più di un semplice grattacapo. I positivi ad Avella, così come da comunicati Asl, sono schizzati a quota 93. Ben 67 solo negli ultimi quattro giorni. Una situazione che sembrava essere gestita nel migliore dei modi fino al 22 ottobre, ma che poi è completamente precipitata. Il comune più popoloso del Mandamento Baianese sta pagando un prezzo notevole in questa fase. All’appello, inoltre, mancano i dati dello screening di domenica scorsa. L’esito di circa 250 tamponi effettuati ai residenti è atteso nelle prossime ore. Considerate le premesse, il responso potrebbe contribuire al peggioramento della situazione.

A completare il tutto ci sono quattro ricoverati all’ospedale “Moscati” di Avellino, e da annotare un decesso avvenuto ad inizio mese di un 87enne.