BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 20 Ottobre 2019

AVELLINO-BARI 2-2. Charpentier e Illanes fermano il Bari al Partenio

AVELLINO-BARI 2-2

AVELLINO: Tonti, Zullo (21’ pt Illanes), Morero (4‘ st De Marco), Laezza (21’ Carbonelli), Celjak, Rossetti (21’ st Karic), Di Paolantonio, Micovschi, Parisi, Charpentier, Albadoro (22’ st Alfageme)

Allenatore: Ezio Capiano

BARI: Frattali, Perrotta, Di Cesare, Sabbione, Costa, Awua (13’ st Terrani), Bianco, Schiavone, Kupisz (1’st Berra), Simeri, Neglia (30’ st Ferrari)  

Allenatore: Vincenzo Vivarini

Ammoniti: Perrotta (Bari); Albadoro (Avellino); Illanes (Avellino); Celjak (Avellino); Alfageme (Avellino dalla panchina); Rossetti (Avellino); Di Cesare (Bari); Charpentier (Avellino)

Espulsi: nessuno

Reti: Charpentier al 15’; Simeri al 46’ e al 62’; Illanes al 73’;

L’Avellino ferma il Bari ed esce a testa alta dalla sfida contro la corazzata Bari, riuscendo a fermarla al Partenio sul 2-2, dopo che i galletti erano passati in vantaggio con Simeri. L’effetto Capuano inizia a farsi sentire, soprattutto per il punto conquistato in virtù classifica. L’Avellino riesce a passare in vantaggio con Charpetier, poi reazione del Bari che trova la doppietta personale, poi il gol di Illanes la svolta “finale”.

Primi minuti di alta intensità e studio tra l’Avellino e Bari, dove anche la Curva Sud fa sentire la propria di dissenso contro il neo allenatore dei lupi Ezio Capuano e per il presidente Claudio Mauriello. La formazione di Vivarini si rende pericolosa dopo solo due minuti di gioco con Neglia, ma Tonti non si fa trovare impreparato e manda in angolo. Ancora Bari all’arrembaggio con un lancio filtrante per Simeri, ma l’ex Como non si fa trovare impreparato e blocca in anticipo. L’Avellino passa in vantaggio con Charpentier all’ottavo minuto, che aggancia un lancio di Zullo; Di Cesare non riesce a contenerlo. Il francese infila in rete con palla sporcata da Frattali. Ammonito Perrotta al 15’ per un contatto nell’area biancoverde durante la battuta del corner del Bari. Avellino vicino al raddoppio con Charpentier, dopo che aveva deviato in rete sugli sviluppi di un corner, ma l’arbitro ha annullato il gol del francese per un fallo di Morero. Al 20’ esce Zullo per Illanes per problemi muscolari. Laezza non inquadra la porta su cross proveniente dalla bandierina. Alla mezz’ora ci prova Neglia dai 25 metri, ma il tiro è debole e steccato; tutto facile per Tonti. Finisce il primo tempo tra Avellino e Bari, dove la compagine irpina ha fatto valere le proprie idee e la propria manovra di gioco. I galletti hanno provato a rialzare la testa in cerca del pareggio, ma i biancoverdi hanno saputo tenere testa e contenere l’offensiva degli avversari. Buona prima frazione dell’Avellino.

Uno, due, tre…il Bari trova la rete del pareggio, dopo soli due minuti del secondo tempo con Simeri. Il centravanti pugliese beffa Laezza e con un tocco semplice porta il match in parità. Dormita generale della difesa irpina. L’Avellino aumenta intensità a centrocampo con De Marco al posto di Morero, quindi riconferma del 3-5-2 con Celjak in difesa e De Marco centrocampista centrale. Biancoverdi vicino al vantaggio con Charpentier su cross proveniente dalla sinistra di Parisi: il francese ha staccato debolmente di testa, Frattali blocca in disinvoltura. Il Bari si accende e si allumina: doppietta personale per Simeri, che trova la rete del vantaggio. Calcio piazzato per i biancorossi, azione con crossa dalla sinistra e tap-in del numero 9 barese. Rivoluzione fatta da Capuano, che effettua un triplo cambio con Carbonelli con Laezza, Rossetti per Karic ed infine, Alfageme per Albadoro. Esplode il Partenio, l’Avellino trova la rete del pareggio grazie ad un capolavoro di Illanes. Il difensore dei lupi col tentativo di crossare in area spinge in reta e beffa l’impotente Frattali sugli sviluppi di una punizione battuta da Di Paolantonio. Fallo su Alfageme dal limite, si presenta Di Paolantonio, che spara un missile in porta, ma Frattali non si fa trovare impreparato. Charpentier si avvinghia sulla respinta, ma viene abbattuto in area. L’arbitro ammonisce il francese per simulazione. Ultimi minuti concitatissimi al Partenio, dove Simeri su cross dalla destra aggancia, ma spinge la sfera fuori. Finisce 2-2 al Partenio Lombardi tra Avellino e Bari, dove la cura targata Capuano inizia a farsi sentire. L’Avellino offre una buona prestazione anche quando è passato in svantaggio, riuscendo a reagire a far valere la propria idea di gioco. I lupi fermano ancora per una volta la corrazzata Bari e il Partenio continua ad essere un tabù per i galletti.