BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 15 Febbraio 2019

AVELLINO-BRINDISI 92-95. Il cuore non basta, addio Copp Italia

di Francesco Alfonso Barlotti

Sidigas Avellino- Happy Casa Brindisi è il quarto di finale delle Final Eight 2019; secondo impegno ed obiettivo più importante per gli irpini, dove Avellino vuole riscattarsi, dopo l’eliminazione della Champions League, e regalare un eventuale secondo trofeo.

Vucinic a stretto di rotazione e colpito dagli infortuni di Patric Young (rimasto infortunato durante l’ultimo match in campionato contro Brescia) e Nichols, assente dal 16 gennaio.

Quintetto di partenza: Filloy, Sykes, Silins, N’Diaye, Green

1°QUARTO: possesso guadagnato dalla Scandone, primi punti per Brown e Sykes. Grande stoppata in due occasione di N’Diaye sul talento italiano Moraschini, Green in dunk. I pugliesi guadagnano 7 punti consecutivi: tripla di Gaffney e canestro di Brown (4-11). Primo time-out d’emergenza per Vucinic. Avellino in sofferenza e in difficoltà, ma Green scuote un po’ l’ambiente con un +3. Biancoverdi in balia totale della Stella del Sud, Moraschini ancora. La guardia di Cento 2/2 dalla lunetta, Filloy con una bomba. Brown in doppia cifra, gli irpini sono chiamati a rincorrere i pugliesi (10-20). L’ex Banks allunga ancora su Avellino, fissa il punteggio 10-26. Altra tripla della guardia brindisina. Carneficina totale di Brindisi in attacco, che sta letteralmente dominando un Avellino spento e in confusione totale. Fine quarto: 12-28.

2°QUARTO: l’italo-argentino e Harper (3 punti) risvegliano Avellino, ma Brindisi non si fa intimorire: Rush e Wojciechowski a referto. Banks ripristina di nuovo il vantaggio, sospensione in questo momento duro della Sidigas. Sykes un raggio di sole, dopo la tempesta. N’Diaye in schiacciata disinvolta, Walker sbaglia dall’angolo, ma non il folletto della Scandone con una bomba (24-36). Vitucci chiama il suo primo time-out. 5 punti consecutivi per Harper: tripla e canestro. Walker e Moraschini a referto, Green non sbaglia i due tiri liberi dalla lunetta. Triple da un lato e da un altro: Harper e Walker (34-44). Sykes e Gaffney a referto; Harper e l’ex Ankara chiudono il quarto sul -7. La Sidigas Avellino è viva e cerca di ritornare a galla, nonostante la buona prestazione degli uomini di Vitucci. Fine quarto: 40-47.

3°QUARTO: Filloy e Brown aprono le marcature della seconda frazione. Avellino pareggia i conti con 5 punti consecutivi di Sykes: canestro e bomba. Gli irpini ruggiscono e passano in vantaggio con l’altra tripla di Filloy, dopo essere stati nella penombra di Brindisi per i primi due quarti. Venti punti per Brown; Green e tripla di Sykes, Avellino alza la voce finalmente. Moraschini non ci sta e va a referto (59-59). Biancoverdi in avanti di 5 punti: prima di Silins, poi il canestro assurdo di Green. Ancora la tripla di Green. Secondo time-out di Vitucci. La Scandone ama soffrire e sta scappando dalla Stella del Sud, dallo svantaggio di -19 a al vantaggio di +8. Sykes (21 punti) e Green (14 punti) sono i veri protagonisti assoluti. Green chiama un +3 e Banks risponde. Green recupera palla, contropiede della Sidigas e Filloy firma i suoi 6 punti consecutivi: due triple consecutive (78-62). Brindisi sotto il rullo compressore della Sidigas, che è stata completamente rivitalizzata, dopo il black-out dei primi due quarti orrendi. Rush sul finale commette fallo sull’ex Venezia, che non sbaglia i due tiri liberi dalla lunetta. 19 punti fino adesso. Fine quarto: 80-69.

ULTIMO QUARTO: tecnico a Chappell, Green sbaglia il tiro libero. Walker tuona dall’arco, poi Harper sbaglia clamorosamente sotto canestro. Rush firma un altro canestro (80-74); il coach jugoslavo corre ai ripari. Banks manda in panchina Sykes per il 4° fallo commesso, l’ex Tel Aviv a canestro. 5/5 da +3 di Harper, l’ex guardia fino ad oggi aveva fatto sempre 0/5 nelle ultime tre gare. L’ex guardia di Brindisi serve Silins, con una palla tagliata e dunk del centro lettone (85-79). Reazione di Brindisi, che pareggia i conti e fissa 85-85 con le due triple consecutive di Walker e Rush. Stanchezza protagonista di questo ultimo periodo. Schiacciata di N’Diaye, ma Banks in tre tempi: canestro valido e tiro libero. Antisportivo a Chappell, Sykes uno su due, invece Green 2/2. Green per N’Diaye, lay-up del senegalese. Avellino in vantaggio di +1. Partita ricca di emozioni e tutto indeciso ad un minuto dalla fine (92-91).Time-out di Avellino. Fallo di Filloy su Chappell, l’ex Cantù non sbaglia dalla lunetta. Sospensione richiesto da Vucinic. Non entra la tripla di Sykes, rimbalzo raccolto da Banks, che chiude definitivamente il match sul 92-95.

Brindisi vola in semifinale, dopo aver battuto la Sidigas Avellino sulla sirena dell’ultimo quarto grazie al canestro dell’ex di turno Banks. La Scandone come l’anno scorso viene eliminata ai quarti di Coppa Italia, nonostante una buona prestazione degli uomini di Nedvad Vucinic. Prima frazione del match da horror della Sidigas, dove è stata vittima assoluta dell’attacco di Brindisi, soprattutto del duo Banks-Brown.

 Cambio di mentalità, dopo il lungo intervallo. Gli irpini nel terzo quarto hanno letteralmente dominato Brindisi, recuperando lo svantaggio di -19 e chiudere il terzo periodo con un vantaggio di 29 punti. Nell’ultimo periodo il colpo di scena che non ti aspetti: i pugliesi pareggiano i conti con Walker e Rush. Si procede fino alla fine con l’ansia alla gola per stabilire il vincitore, poi la tripla di Sykes non entrata e il canestro di Banks, che chiude definitivamente ogni sogno di gloria della Scandone. Brindisi affronterà domani pomeriggio nella semifinale Banco di Sardegna Sassari.