BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 6 gennaio 2019

AVELLINO-LADISPOLI 2-0. Inizio d’anno vincente per i lupi

AVELLINO-LADISPOLI 2-0

AVELLINO (4-3-3): Lagomarsini; Patrignani (1′ st Omohonria), Dionisi, Morero, Parisi; Matute (1′ st Gerbaudo), Di Paolantonio, Buono; Tompte (1′ st Mentana), De Vena (44′ st Sforzini), Da Dalt (40′ st Ciotola). A disp.: Longobardi, Falco, Dondoni, Saporito. All.: Bucaro.

LADISPOLI (3-5-2): A. Salvato; Gallitano, Casavecchia, Leone; Tollardo (18′ st Manoni), Mastrodonato (18′ st Pagliuca), G. Salvato, Sganga, De Fato (25′ st Di Curzio); Cardella, Zucchi (31′ st Manzari). A disp.: Travaglini, Lisari, Maroncelli, Giancecchi, Di Grazia. All.: Cotroneo.

ARBITRO: Costanza di Agrigento.

Guardalinee: Camoni-Mangoni.

MARCATORI: 7′ st De Vena, 15′ st Morero.

Ammoniti: G. Salvato, Morero, Leone, Cardella, Sganga.

L’Avellino ritorna alla vittoria. Piegato il Ladispoli, per due a zero, al termine di un match poco entusiasmante, caratterizzato da una prestazione scialba dei biancoverdi, annullata dal risultato finale. Per la gara odierna Bucaro schiera un 4-3-3, con De Vena punta centrale sostenuto sulle fasce da Tompte e Da Dalt. Di Paoloantonio regista davanti la difesa, coadiuvato da Matute e Buono. In retroguardia Dionisi al fianco di capitan Morero, con Patrignani e Parisi sugli esterni. Mentre si rivede, fra i pali, Lagomarsini. La partita risulta piuttosto bloccata, priva di estetica, caratterizzata da poche occasioni ambedue i lati. L’Avellino fatica a rendersi pericoloso, e la prima occasione è in favore degli ospiti. Al nono minuto, Cardella su punizione dalla distanza chiama in causa Lagomarsini, che con una parata plastica spedisce in calcio d’angolo. I padroni di casa rispondono con De Vena, che raccoglie un cross di Da Dalt e di testa conclude di poco al lato. Il Ladispoli, tuttavia, tiene bene il campo e argina senza patemi d’animo le iniziative biancoverdi. Al 40esimo Matute ha l’occasione per sbloccare il match, ma la sua conclusione viene sporcata da Tollardo e finisce in calcio d’angolo. Il primo tempo termina sullo zero a zero. La ripresa sorride ai lupi. Le prime battute del secondo tempo, infatti, volgono in favore dell’Avellino. Entrano Eddy, Gerbaudo e Mentana per Patrignani, Matute e Tompte. Al quinto minuto, Gerbaudo serve De Vena, che di controbalzo fulmina sul primo palo Salvato. Padroni di casa in vantaggio. Al tredicesimo, poi, arriva il raddoppio. Ancora Gerbaudo, entrato bene nel match, dalla sinistra serve un assist per Morero. Il capitano, imbeccato in area di rigore, non fallisce e capitalizza il tapin vincente. Un Avellino estremamente cinico spezza le gambe al Ladispoli, che fino ad allora non aveva per nulla sfigurato. Il match prosegue per inerzia sino al triplice fischio finale, terminando con il medesimo risultato. La compagine laziale accusa il colpo e non riesce a mostrare una valida reazione. I lupi, dal canto loro, gestiscono il doppio vantaggio, conquistando tre punti importanti per l’operazione “rimonta”. Ma la strada è ancora lunga.