BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 2 Ottobre 2021

BAIANESE. A.A.A. Cercasi struttura sportiva idonea

Strutture sportive, è allarme nel Mandamento Baianese. Gli spazi latitano. Una carenza storica senza precedenti, in attesa, e con la speranza, che la situazione, nel futuro prossimo, possa mutare.

I casi più gravi riguardano Mugnano del Cardinale, Avella e Quadrelle. Nel primo caso si è già detto tutti nel corso dei giorni scorsi. Proprio la questione del “Sanseverino”, che ha portato alla chiusura, ha permesso di riaccendere i riflettori su una situazione che nel corso degli anni non ha fatto registrare sviluppi, e che vede fare i conti con un’amara realtà. Infatti, gli spazi per la pratica dello sport si restringono sempre di più.

Uno dei casi più emblematici resta il “Fusaro” di Avella. Anche qui la situazione non è delle migliori. Anzi, è praticamente paralizzata tenuto conto che la struttura è off limits da oltre un decennio. L’arrivo della competizione elettorale ha registrato l’interesse e la mobilitazione dei candidati sindaci a prendere in esame la situazione, e valutare attentamente il da farsi. In palio un bel pezzo di credibilità per il rilancio di una delle aree da attrezzare e che potrebbe fungere da traino per lo sviluppo futuristico. Non è da escludere nemmeno il ricorso ad una nuova ubicazione della struttura destinata alla pratica calcistica.

Situazione penalizzante anche a Quadrelle, dove anche qui da un decennio lo stadio del paese, è fuori uso. Una situazione imbarazzante tenuto conto che nel piccolo comune mandamentale la struttura sportiva è stata realizzata alla fine degli anni ’90. Intorno alla fine del primo decennio degli anni Duemila, l’allargamento. Poi il patatrac che ha portato alla sua inattività, con tanto di raid vandalici. Per il suo rilancio il sindaco Rozza sembra avere le idee chiare: una struttura che dovrà funzionare tutto l’anno e non all’occorrenza. Creando una sorta di polo di servizi sportivi.

Casi leggermente meno gravi negli altri comuni. Al momento l’unico impianto funzionale è quello di Sperone. Al “Sant’Elia”, infatti, la buona notizia è che nel calvario generale dell’impiantistica mandamentale, almeno le categorie minori potranno svolgere il loro campionato. Non è così, almeno temporaneamente, a Sirignano e Baiano. Nel primo caso, il “Sant’Andrea” è oggetto di lavori di manutenzione che porteranno ad miglioramento dei servizi e avrà una sua funzionalità per le sfide calcistiche, anche in questo caso, cosiddette minori.

Diventerà un polo attrezzato, e a questo punto, ci aggiungiamo noi, il punto nevralgico dei servizi sportivi mandamentali, il “Bellofatto” di Baiano. A giorni aprirà il cantiere per l’installazione del manto in erba artificiale. Non solo, si effettueranno anche interventi che doteranno di maggiori comfort gli spogliatoi e, grazie anche al finanziamento delle migliorie delle Universiadi 2019, anche il “Palapicciocchi”.