BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 28 Ottobre 2020

BAIANESE. Covid-19, corsa al tampone molecolare al Centro Polispecialistico Masi

Il numero dei contagiati dal Covid-19 è decisamente elevato. Nel Mandamento Baianese vi è in atto una vera e propria corsa al tampone. La maggior parte dei cittadini, allertati dall’evoluzione della pandemia, come confermato tra l’altro dagli duecento positivi negli ultimi due mesi, preferisce sottoporsi al controllo. Il ricorso alle prestazioni dei privati, vuoi anche per una maggiore ristrettezza dei tempi, è ininterrotto. Il via vai dai laboratori è continuo.

Abbiamo ascoltato il parere della dott.ssa Stefania Masi dell’omonimo Centro Polispecialistico di Sperone. “Da quando la Regione Campania ha dato l’ok ai laboratori privati a fornire, per gradi, prestazioni sanitarie in tema di Covid-19, la domanda dell’utenza è decisamente aumentata – afferma la dott.ssa Masi – il primo step, lo scorso maggio, è stato quello dell’ok ai laboratori privati ad effettuare i test sierologici. Dall’inizio del mese di ottobre gli stessi laboratori sono stati autorizzati, prima ad effettuare i tamponi rapidi per le aziende e associazioni private, e dopo anche quelli in biologia molecolare nei confronti di tutti i privati”.

Il Centro Polispecialistico Masi effettua anche quest’ultima tipologia di prestazione. “Per i tamponi molecolari siamo l’unico Laboratorio autorizzato ad effettuare gli stessi nel Mandamento Baianese. Nelle ultime settimane in particolar modo, le richieste di questo tipo di esami virali sono aumentate notevolmente. Praticamente si lavora dal mattino fino a notte fonda per venire incontro alle esigenze di un bacino territoriale molto ampio, ma soprattutto molto preoccupato per l’evoluzione della pandemia”. Infatti anche al Centro Masi sono state notevoli le positività riscontrate in attesa del successivo intervento delle autorità sanitarie preposte.

La domanda di tamponi molecolari non arriva solo dal Baianese. “Presso il nostro laboratorio si recano anche tantissimi residenti dei comuni dell’hinterland nolano. Anche in questa zona ubicata al confine con il Baianese, vi è una situazione molto delicata sul fronte della diffusione della pandemia”.

Tra gli esperti del Centro Polispecialistico Masi di Sperone e i colleghi impegnati in questa dura battaglia, il confronto è costante. “Siamo sempre operativi per cercare di migliorare il servizio e assicurare la refertazione delle prestazioni anche in giornata. E’ ininterrotta la comunicazione con colleghi e specialisti dell’ospedale di Caserta e altri laboratori per cercare di capire, attraverso procedimenti scientifici, ad esempio, i valori con cui si ottiene una positività da un test sierologico o da un tampone in chemioluminescenza. Notizia ancora più importante – conclude la dott.ssa Masi – è quella che nel nostro consorzio Dilab SCARL del quale fa parte il Centro Polispecialistico Masi, è possibile effettuare il test salivare in chemioluminescenza su strumento Lumipulse della Fujrebio, unico test certificato dal Ministero della Sanità, strumento installato nei principali presidi ospedalieri e nello specifico in Campania al “Cotugno” di Napoli, e nel Lazio allo “Spallanzani” di Roma”.