BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 11 Novembre 2019

BAIANESE. Il papà dello chef Casale: “Voglio sapere come è morto mio figlio”. VIDEO

Era il 16 agosto 2017 quando Raffaele Casale, giovane chef del ristorante Le Lampare, perse la vita a Trani, in via Martiri di Palermo a causa di un incidente stradale.

A distanza di più di due anni dalla sua tragica morte, il caso giudiziario è stato archiviato ma la famiglia continua ancora a cercare giustizia per quella giovane vita spezzata a soli 28 anni. Secondo quanto fu accertato dalle indagini, Raffaele perse il controllo della moto finendo contro un palo della luce senza il coinvolgimento di altri mezzi. Morì poco dopo l’arrivo dei soccorsi.

Pochi giorni dopo la morte di Raffaele il pm della Procura di Trani, Donato Alessandro Pesce, dispose una perizia affinché fosse accertata la dinamica dello schianto. Dalle valutazioni fatte dall’ingegnere incaricato, sia sulla base delle tracce rimaste sull’asfalto che dei rilievi fotografici eseguiti dalla polizia dopo l’incidente, non emersero nuovi elementi rispetto a quanto non fosse stato già menzionato nei verbali redatti dal Commissariato di Polizia.

Secondo il padre Felice Casale, però, a contribuire allo sbandamento del mezzo sarebbero state le precarie condizioni di quel tratto di strada caratterizzato da scarsa illuminazione e asfalto ricoperto da aghi di pino.

Il papà di Raffaele ha consegnato alla nostra redazione un filmato nel quale rivolge un appello e chiede agli automobilisti che abbiano transitato su quella strada in quei giorni o comunque nei mesi antecedenti al fatto di deporre testimonianza delle precarie condizioni di quel tratto stradale che costò la vita di suo figlio.

E’ possibile mettersi in contatto con Felice Casale al numero di telefono 347 0183079.

(fonte: traniviva)