BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 25 Marzo 2020

BAIANESE. Napolitano: “Restiamo tranquilli, non abbiamo comunicazioni ufficiali”

Il sindaco di Mugnano del Cardinale Alessandro Napolitano invita alla calma. Il suo appello, dopo il decesso di un 57enne del paese all’ospedale “Moscati” di Avellino, è per tutto la popolazione mandamentale. “Restiamo tranquilli, evitiamo allarmismi, e l’invito che rivolgo ancora una volta è quello di restare chiusi in casa”.

La situazione nei sei comuni è molto particolare: “Abbiamo appreso del decesso dell’uomo, ma allo stato attuale dai canali ufficiali non conosciamo le cause, e pertanto ci riserviamo di prendere nuove decisioni. La popolazione deve attenersi esclusivamente alle disposizioni in vigore. Comprendiamo la paura, ma il caso può esserci sempre, basti guardare a quanto accaduto con il dott. Carmine Sommese una settimana fa…Il sottoscritto, insieme all’amministrazione comunale, ed ai colleghi sindaci, è al lavoro costantemente per fronteggiare questo particolare periodo storico. Sono venti giorni che siamo operativi ininterrottamente e non stiamo certamente restando a guardare rispetto a ciò che accade. In queste ore vi è un raccordo per cercare di adottare una strategia comune. Anche i coc dei comuni si stanno interfacciando per intraprendere azioni volte alla tutela della popolazione”.

Riguardo alla morte del 57enne, Napolitano chiarisce: “Possiamo precisare che la persona era rientrata dal Nord Italia e aveva comunicato il tutto alle autorità lo scorso 8 marzo, giorno in cui è scattato il periodo di quarantena. Il comune, l’Asl, il comando della polizia locale e anche il suo medico di base hanno effettuato tutte le procedure previste dalla legge. Nel corso di questo periodo, inoltre, da parte dei Carabinieri, Polizia Locale, e personale del 118, si sono verificati ripetuti controlli nei confronti della persona che fino a ieri, al momento del trasporto in ospedale, non aveva manifestato alcun problema di salute. Fino a questo momento non abbiamo alcun riscontro di positività della persona al Covid-19. Noi teniamo alta la guardia, ma è doveroso che la popolazione collabori”.