BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 24 Novembre 2021

BAIANESE/VALLO LAURO. Pdz, Mercogliano: “In sei mesi voltato pagina”

Il consorzio del Piano di Zona Sociale Ambito A6 è pronto per decollare. Dopo incertezze, rischi e mugugni, ora è il tempo delle risposte concrete.

Un’operatività degna di nota, che oltre a confermare efficienza nei servizi (da sempre eccellenza nell’ambito del Baianese e del Vallo Lauro), ha permesso di smuovere la storica questione del personale. Addio contratti a tempo determinato, corse contro il tempo per i rinnovi, pressioni delle autorità per dare la giusta dignità alla categoria dei lavoratori interessati. Soprattutto addio ai rischi legati ad un blocco delle diverse tipologie di servizi messi in campo nei confronti delle categorie beneficiarie. Dal 2022, grazie anche all’attività posta in essere dal Cda, si volta definitivamente pagina. Già pubblicato il bando per le prime sei stabilizzazioni. “In sei mesi – afferma il presidente del Cda Antonio Mercogliano, sindaco del comune di Pago del Vallo di Lauro – complice l’investitura del nuovo coordinatore, siamo riusciti a dare le tanto attese risposte legate alla nuova modalità di gestione dei servizi sociali. Possiamo tranquillamente affermare di aver mantenuto le promesse. Obiettivi importanti che permetteranno di dare nuova linfa ai servizi del territorio”.

Nel corso di questi giorni, come detto, si completeranno le procedure per la stabilizzazione a tempo indeterminato dei primi sei profili professionali (tre sociologi, un educatore professionale e due assistenti sociali), che scatteranno a partire dal primo gennaio 2022. La storica questione del personale, legata per anni al rinnovo dei rapporti contrattuali, è destinata a concludersi nel migliore dei modi. La stabilizzazione, infatti, porrà fine ad una partita protrattasi per circa venti anni. “Sotto questo punto di vista – fa notare Mercogliano – non ci saranno più apprensioni da parte delle autorità sindacali e della Prefettura di Avellino che nel corso del tempo avevano sempre sollecitato una risoluzione di questa vicenda”.