BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 28 Dicembre 2021

BAIANO/CAROTENUTO. Il derby del 9 gennaio è a rischio: una sfida infinita…

Baiano-Carotenuto, il derby calcistico per eccellenza del Mandamento Baianese, non sarà mai una sfida qualunque. Sono molteplici, infatti, i contorni che ruotano intorno ai novanta minuti di calcio che gli sportivi del territorio attendono con trepidazione. Tanti aspetti che rendono maggiormente folkloristico, ed imprevedibile sin dalle settimane precedenti, un derby molto sentito. Non solo per la classifica, dove in questa fase il Carotenuto è ad un punto dalla vetta, ed il Baiano, in piena zona salvezza, proverà a vestire i panni di guastafeste. Il countdown in vista del primo week end di gennaio (8-9) che coincide (al momento) con la ripresa dei campionati dilettantistici regionali, è già scattato. Ancora una volta, però, come effettivamente accaduto nell’ottobre 2020, la sfida è in forse. Sempre per la pandemia. L’evoluzione dei contagi legati ad Omicrom, infatti, tiene tutti sulle spine nel corso di questo periodo vacanziero. Le squadre, anche Baiano e Carotenuto, rispettando i protocolli di sicurezza, dopo lo stop natalizio hanno già ripreso ad allenarsi. Le autorità federali, invece, stanno valutando come gestire questa delicata situazione. Alcuni comitati regionali hanno già decretato la sospensione dei campionati di competenza (dalla Promozione alla Terza Categoria), salvando l’Eccellenza (dalla primavera del 2021 torneo di rilevanza nazionale). Non è escluso che potrebbero esserci una serie di correttivi (alcuni già adottati in passato) ai protocolli attualmente vigenti (tamponi?). In attesa di quel che sarà, il derby, che si giochi o meno, è già cominciato. E l’aspetto che tiene tutti con il fiato sospeso è quello della sede di svolgimento. La gara, per i noti lavori di installazione del manto di manto sintetico, non potrà essere disputata allo stadio “Bellofatto” di Baiano. Fino ad oggi la compagine baianese è stata ospitata prima a Sperone, e poi a Mugnano del Cardinale. Al “Sanseverino”, infatti, ha disputato il maggior numero di partite di questo primo scorcio della stagione. La società granata, intanto, non ha ancora ufficializzato la sua posizione rispetto alla sede dello svolgimento della sentita sfida contro i cugini mugnanesi. La gara, dove il Baiano è la società ospitante, potrebbe non disputarsi allo stadio di Mugnano del Cardinale per una serie di valutazioni di carattere ambientale. Quindi potrebbe essere dirottata altrove (scelta ufficiale entro il 4 gennaio 2022). Probabilmente non a Sperone (dove sarebbe da valutare la portata del “Sant’Elia” in considerazione dell’afflusso ingente di tifosi), ma nel contesto extra mandamentale. Praticamente come all’andata, quando il Carotenuto, a causa dell’indisponibilità del “Sanseverino”, fu costretto ad emigrare a Brusciano. Nel 2022 potrebbe trattarsi del terzo derby mandamentale disputato “fuori sede” nel giro di pochi anni (nel 2013, “Bellofatto” off limits per lavori, il derby si disputò a Cimitile).

Un nuovo capitolo dell’infinita storia tra Baiano e Carotenuto è, ancora una volta, tutto da scrivere.