BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 26 Aprile 2020

BAIANO/CAROTENUTO. Nuovi salti mortali per le dirigenze per non far morire il calcio

Si prospettano tempi duri per il calcio in generale. Per il contesto dilettantistico che vede protagoniste le realtà sportive del Mandamento Baianese non resta altro che rimoltiplicare gli sforzi per tenere in vita quelle che possono essere definite autentiche tradizioni locali.

In attesa di conoscere il destino della stagione 2019 – 2020, stoppata per la causa del Coronavirus, comunque vada a finire per Baiano e Carotenuto, le due principali realtà calcistiche della zona, si prospetta una realtà non facile. Le due formazioni che nel corso degli anni vedono rinnovarsi grazie all’impegno e alla passione di dirigenti sportivi, anche in questa nuova fase post emergenziale dovranno giocoforza stringere i denti.

Il loro passato calcistico rappresenta un patrimonio a livello regionale e provinciale e sin da ora si prospettano salti mortali non indifferenti per non disperderlo. In questa nuova delicata fase molte realtà scompariranno. Un numero che rabbrividisce quello ascoltato dal presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia nel corso dell’ultimo periodo.

Riuscire a sopravvivere anche in questa fase, per Baiano e Carotenuto, non risulterà semplice. Alle due dirigenze, cui vanno riconosciuti i meriti per essere riuscite a sopravvivere negli anni passati, spetterà un nuovo e arduo lavoro.

Reperire risorse economiche per le prossime stagioni, alla luce di quanto accaduto e quanto accadrà nel mondo delle attività economiche e finanziarie, potrebbe risultare più difficoltoso. Un’impresa non da poco. La programmazione, quella avviata negli ultimi anni e che ha visto puntare le attenzioni sui rispettivi settori giovanili, potrebbe in qualche modo alleggerire il carico degli oneri che tra strutture sportive, rimborsi spese e uscite accessorie come trasferte, abbigliamento ed altro, raggiungono comunque somme ragguardevoli. L’ancora di salvataggio nel futuro delle realtà calcistiche locali, proprio in virtù delle ristrettezze che si prefigurano, potrebbe essere ricercato nella valorizzazione dei talenti locali in modo da garantire sempre più continuità e rinnovamento. Vista la strada intrapresa e visto il contesto che si ritroveranno di fronte, Baiano e Carotenuto, in questo caso, partiranno inevitabilmente con un po’ di vantaggio che potrebbe ritornare utile al momento opportuno. Affinché la storia e la tradizione calcistica di entrambi i paesi, alla soglia di ragguardevoli traguardi, non venga mai messa in discussione.