BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 2 Giugno 2020

BAIANO. C’è il progetto per la realizzazione di 400 loculi cimiteriali

Cimitero, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Enrico Montanaro ripensa alla creazione di nuovi loculi. Archiviato il discorso dell’allargamento (sconfitta dinanzi al Tar contro l’Asl), l’esecutivo ha adottato una nuova soluzione facendo ricorso ad un nuovo progetto che prevede, sempre nell’area attuale, la creazione di quattrocento nuovi loculi.

Nei giorni scorsi in giunta comunale è stato approvato il progetto preliminare dal valore di 550mila euro. Gli appositi uffici comunali sono già mobilitati per ottenere i fatidici pareri delle autorità preposte prima di giungere alla definizione dell’istanza.

La mobilitazione in atto di Baiano Civica da diversi anni a questa parte scaturisce anche dalle pressanti richieste da parte della cittadinanza che, da più tempo, reclama nuovi spazi ove poter sistemare resti mortali.

La storia. L’amministrazione Montanaro, sin dal primo mandato, aveva preso in considerazione l’eventualità dell’allargamento del cimitero verso Ovest. Nonostante l’accordo con i privati per la cessione dell’area ove poter realizzare nuovi loculi e cappelle gentilizie, il progetto dell’ente di piazza Napoletano è stato bocciato da parte dell’Asl. Una lunga contesa, quella tra il comune e l’ente di via degli Imbimbo, conclusasi dinanzi al Tar lo scorso maggio. Il comune di Baiano, viste le mancate risposte sulla questione allargamento sottoposta, decise di adire i giudici amministrativi per avvalersi della facoltà del “silenzio assenso”. Il Tar non avallò la tesi del comune di Baiano facendo leva, in tema di allargamento, sul mancato rispetto della distanza di sicurezza tra cimitero e centro abitato (50 metri) con la seguente motivazione: “In particolare – si legge nell’ordinanza del Tar – a prescindere dall’operatività dell’art. 17 bis l. n. 241/90 – involgente l’esercizio di attività amministrative di natura codecisoria che, nella specie, non sembrano sussistere -, in ordine al parere igienico-sanitario di cui all’art. 338 del RD 1265/1934 non sembra sia maturato alcun silenzio-assenso, a ciò ostando l’imposizione di una distanza minima tra il cimitero ed il centro abitato, fissata nello stesso art. 338 citato in 50 metri; che il carattere inderogabile di tale “distanza minima”, oltre ad impedire la formazione di qualsivoglia parere favorevole per silentium, sembra determinare l’irrilevanza di eventuali conflitti di interesse, per come prospettati da parte ricorrente, in capo all’autore del provvedimento oggetto di gravame con cui è stato sostanzialmente reso un parere igienico-sanitario negativo (art. 338 del RD 1265/1934); Ritenuta la sussistenza dei presupposti per l’integrale compensazione delle spese della presente fase cautelare”.

Il nuovo progetto. Il comune di Baiano ha individuato nell’attuale spazio cimiteriale aree libere sulle quali è possibile la realizzazione di nuovi loculi (400, appunto). Attualmente, come si apprende dal progetto, il cimitero di Baiano si compone di tre aree: “un primo settore individuato in planimetria con la lettera “A”, posto a confine con la via Nazionale delle Puglie – lato EST – in cui sono ubicati lungo il perimetro loculi cimiteriali; – un secondo settore, centrale, individuato in planimetria con la lettera “B”, nel quale si trova l’accesso al cimitero, la chiesa, n.4 campi di inumazione, diverse cappelle gentilizie di remota costruzione e n.140 loculi cimiteriali realizzati da poco; – un terzo settore individuato in planimetria con la lettera “C”, ultimo ampliamento fuori dall’originaria delimitazione, in cui sono stati realizzati 440 loculi cimiteriali e 90 cappelle gentilizie e dove verranno realizzati nelle aree ancora libere i nuovi loculi”.

Le modalità.  “I nuovi blocchi di loculi saranno realizzati mediante struttura in c.l.s. prefabbricata per i loculi e struttura in c.a. realizzata in opera per la parte che li conterrà. I loculi di dimensione interna minima 75x85x235 cm, saranno posti su file sovrapposte e separate da opportuni setti verticali e solette in c.a. dello spessore minimo di 10 cm. Le pareti dei loculi, sia verticali che orizzontali, avranno pertanto caratteristiche di impermeabilità ai liquidi ed ai gas e saranno in grado di mantenere nel tempo tali proprietà. I piani di appoggio dei feretri saranno inclinati verso l’interno in modo da evitare l’eventuale fuoriuscita di liquido. La chiusura del tumulo sarà realizzata con muratura di mattoni pieni a una testa, intonacata nella parte esterna”.

Autofinanziamento e tempi. Il progetto sarà finanziato dagli stessi cittadini di Baiano che decideranno di acquistare i quattrocento loculi. Quando ai tempi di messa in atto delle procedure, al momento risulta difficile effettuare una stima. La mobilitazione dell’amministrazione comunale di cercare di risolvere la questione potrebbe lasciare ben sperare rispetto alla celerità con cui potrebbero esaurirsi le successive fasi del nuovo percorso intrapreso.



a>