BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 2 Aprile 2021

Giornata Mondiale dell’Autismo, Alaia: “Centro di Avellino dimenticato”

Oggi 2 aprile si celebra la giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo. Consapevolezza, un termine che riecheggia nella mente dell’ex Sindaco di Sperone il Dott. Salvatore Alaia che lancia un grido di allarme per richiamare le Istituzioni ( Regione Campania, Comune di Avellino e ASL di Avellino) sui diritti delle persone affette da  autismo. Una situazione , quella dell’autismo, che si è ulteriormente aggravata con il susseguirsi dei vari lockdown che vedono tante famiglie abbandonate ad un destino infausto che tende a far regredire nei comportamenti e nelle abilità questi  ragazzi che hanno raggiunto livelli elevati di sofferenza psicofisica. Con il cuore e la pazienza di sempre Alaia è tornato al Centro Autistico di Avellino con la speranza  di veder quei cancelli finalmente aperti, ma , purtroppo ancora una volta alla delusione e alla rabbia si è aggiunto il rammarico di sentirsi impotente per non riuscire a dare un senso a questo ritorno verso casa, portandosi  un peso che, come un macigno, sta continuando a mortificare una persona che non riesce a sopportare questa grave ingiustizia che ferisce e colpisce a morte le speranze di tanti bambini autistici.  Sono stanco di combattere contro l’inerzia del Presidente della Regione Campania Enzo De Luca , del Sindaco di Avellino Gianluca Festa e della Direttrice dell’ ASL di Avellino Maria Morganante , a cui posso semplicemente  dire di mettersi una mano sulla coscienza e di prendersi le dovute responsabilità.  

Ad ogni modo questa mia rabbia non mi fa capitolare di fronte a questa problematica che può e deve essere risolta.

Concedo agli attori istituzionali solo l’attenuante di un impegno, quello sul fornte della campagna vaccinale anti COVID 19, che al momento richiede risorse umane, finanziarie e strumentali.

Ma teminata la fase emergenziale e ristabiliti gli equilibri sul piano socio-sanitario nella fase post-covid, tornerò all’attacco e questa volta in modo virale per mettere al centro dell’agenda politica ed amministrativa di tutti i rappresentanti politici ed istituzionali che hanno ruolo e responsabilità, la questione dell’apertura struttura di Avellino, prendendo  coscienza di un dramma sociale ormai improcrastinabile. 

Un dramma quello dell’autismo che genera sofferenza vera, immensa ma al tempo stesso silente e civilmente non più tollerabile da parte delle famiglie coinvolte da questo problema e  a cui chiedo un atto di orgoglio e dignità invitandole a schierarsi con me per vincere, tutti insieme, una battaglia di giustizia per la salute dei nostri cari.