BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 19 Novembre 2020

Il Covid-19 e il Natale 2020: i numeri della crisi

La crisi di Natale è nell’aria. Dati negativi sotto tutti i punti di vista quelli che si stanno materializzando. La “stretta” varata dal Governo, indipendentemente da ciò che potrebbe accadere il prossimo 4 dicembre quando potrebbero esserci degli alleggerimenti delle misure, costerà, dal punto di vista degli incassi, meno 25miliardi di euro. Non è tutto. Ad uscire con le ossa rotte dalle festività natalizie è il settore turistico. Oltre all’estate, infatti, gli operatori dovranno fare i conti con le perdite di questo secondo periodo dell’anno maggiormente gettonato. Le perdite, in questo caso, si aggirano intorno ai 4miliardi di euro.

Non è tutto, perché nel 2020 a risentirne saranno anche i pranzi e i cenoni organizzati per le feste. 5miliardi in meno è la somma stimata per la mancata organizzazione degli eventi in famiglia.

Dopo il Dpcm del 3 novembre 2020 le prenotazioni delle vacanze nel periodo natalizio hanno subito un decremento del 90%, sfiorando quindi la paralisi totale.

Infine, con lo stop decretato ai mercatini di Natale, 7 italiani su 10, risulteranno penalizzati da questa decisione.