BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 30 Maggio 2020

La gara per il nuovo pozzo, Litto: “Siamo stati rompiscatole”

Siamo stati rompiscatole…”. Esordisce così l’assessore del comune di Mugnano del Cardinale Fulvio Litto dopo la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione del nuovo pozzo idrico a servizio della comunità locale e per quelle di Quadrelle e Sirignano.

Dopo tanto lavoro e dopo una serie di interminabili pressioni quotidiane protrattesi per lungo tempo alle istituzioni interessate – afferma l’esponente della giunta Napolitano – siamo riusciti a smuovere, a tre anni di distanza dal finanziamento, una situazione che a tratti sembrava irrisolvibile. Con tanta determinazione non ci siamo mai abbattuti e seppur abbiamo dovuto attendere un periodo piuttosto lungo, siamo comunque riusciti a sbloccare le procedure che condurranno alla risoluzione del problema. Oggi, chiaramente, non abbassiamo la guardia e continueremo a seguire da vicino tutte le varie fasi previste dall’iter che condurranno prima all’aggiudicazione dei lavori e poi all’inizio degli interventi. Sarà un’estate di lavoro a pieno ritmo e noi non ci tireremo indietro rispetto a questo compito”.

Litto, che ha seguito nel corso di questi mesi le varie tappe che hanno condotto, poche ore fa, l’Alto Calore a procedere all’indizione della gara, non si sottrae dai ringraziamenti. “E’ doveroso sottolineare l’impegno alla nostra causa del consigliere regionale Enzo Alaia. Quest’ultimo, con il proprio lavoro, ci ha permesso di dialogare in maniera ininterrotta con gli uffici interessati per cercare di smuovere una situazione che con il trascorrere del tempo è diventata davvero molto scomoda da gestire tenuto conto dei puntuali disagi che si registrano in paese in materia idrica. Un altro doveroso ringraziamento va fatto anche al presidente della Provincia Domenico Biancardi, che ci è stato molto vicino in questo periodo e ha lavorato per lo sblocco di questa situazione. Infine, un grazie anche all’Alto Calore e all’amministratore Michelangelo Ciarcia che hanno dovuto fare i conti con le nostre rimostranze quotidiane, mostrando al tempo stesso anche una buona dose di pazienza tenuto conto della criticità. Ovviamente non è finita. Il passo dell’aggiudicazione della gara è stato fondamentale, ma ora ci impegneremo a fondo per una celerità delle successive operazioni”.

Allo stato attuale, tenuto conto delle difficoltà pregresse, e di quelle che si manifesteranno nel corso della nuova estate (con la speranza concreta che sia davvero l’ultima), appare impossibile azzardare una stima dei tempi rispetto all’entrata in funzione della nuova opera che sorgerà nel comune di Sirignano. A metà giugno è prevista la conclusione del tempo disponibile per la presentazione delle domande; poi toccherà agli uffici dell’Alto Calore procedere all’assegnazione, all’ultimazione di tutti i documenti disponibili e dare l’ok alla ditta che si aggiudicherà l’appalto di aprire il cantiere. Ciò che appare scontato è che sarà un’estate di lavoro ininterrotto con l’obiettivo di chiudere una storica emergenza che vede coinvolti più di 10mila residenti nei tre comuni di Mugnano del Cardinale, Quadrelle e Sirignano.