BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 23 Dicembre 2018

MERCOGLIANO-CAROTENUTO 1-2. Exploit in casa della capolista, decide De Stefano

MERCOGLIANO-CAROTENUTO 1-2

Mercogliano:
Giliberti, Napolitano, Volpe, Nevola, Iandoli, Rega, Cerchione, Renna, De Feo, De Nunzio, Pirera.
A disposizione:
Pescatore, Ciaramella, Barbaro, Grassia, Bolognese, Di Nuzzo, Calienno.
All. Nicola Napolitano

Carotenuto:
Napolitano A., Quadro, Monteforte, Rega, Napolitano S., Colucci, Auriemma, Candela, Barbarisi, Caverni, De Stefano.
A disposizione:
Tedeschi, Piazzola, Ferullo, Napolitano A., Iuliano, Di Micco.
All. Michele Napolitano

Ammoniti: Candela(C), Barbarisi(C), Volpe(M), Pirera(M), Gilberti(M), Rega(C), Iandoli(M), Nevola(M)

Espulsi: 15’st Rega(C)

Reti: 2’pt Colucci(C), 22’pt De Feo(M), 26’st De Stefano rig. (C)

Carotenuto eroico. Piegata l’ex prima in classifica, scivolata ora in seconda posizione. Il Mercogliano si arrende ai rossoneri, che espugnano il “Nocelleto” di Cesinali per due a uno, in dieci uomini. Il match si sblocca dopo soli due minuti. Colucci, dal limite dell’area di rigore, di controbalzo fa partire un destro che s’incrocia nel sette. Gol spettacolare e Carotenuto in vantaggio. Seconda rete consecutiva per il centrocampista, dopo il centro contro il Lacedonia. Il Mercogliano risponde e prova a salire in cattedra. Al 22esimo, da calcio d’angolo, Calienno mette in mezzo per De Feo. L’attaccante anticipa portiere e difensori e, di testa, insacca. Ristabilito il punteggio: il Mercogliano pareggia. I padroni di casa, sulle ali dell’entusiasmo, incrementano gli attacchi, ma il Carotenuto argina nel migliore dei modi le iniziative avversarie degli irpini. Il primo tempo termina sul punteggio di uno a uno. Nella ripresa la gara risulta piuttosto equilibrata. La differenza di punti in classifica, in campo non si nota. Al 60esimo, Rega subisce uno scontro, si infiammano gli animi e per una parola di troppo il difensore viene espulso. Carotenuto in inferiorità numerica. Nonostante l’uomo in meno, però, gli uomini di Napolitano, compatti e rocciosi, continuano a mettere in difficoltà gli avversari, rischiando poco. E, al 26esimo, De Stefano penentra in area ma viene atterrato da Iandoli. L’arbitro non ha dubbi: è calcio di rigore. Dagli undici metri ci va lo stesso De Stefano. Il suo tentativo viene neutralizzato da Giliberti, ma è tutto da rifare. Il direttore di gara fa ripetere il penalty, e stavolta si gonfia la rete. Palla da una parte, portiere dall’altra. Mercogliano uno, Carotenuto due. Incredibile ma vero. Vantaggio che, sino al triplice fischio finale, verrà difeso dai mugnanesi con le unghie e con i denti. Vittoria da incorniciare, in una giornata da ricordare, per il Carotenuto, che ora avanza in classifica e chiude nel migliore dei modi la prima parte di stagione pre-natalizia.