BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 20 Maggio 2019

MILANO-AVELLINO 76-61. Reazione dell’Olimpia: la Sidigas si perde per strada.

di Francesco Alfonso Barlotti

Milano batte l’Avellino per 76-61 e si aggiudica Gara2. Reazione d’orgoglio e di forza dei meneghini, dopo la sorprendete battuta d’arresto di sabato scorso in Gara1. La formazione di Pianigiani pareggia i conti e salda la serie sul 1-1. Il capitolo non è ancora chiuso. Gli irpini erano partiti bene nel primo quarto con il solito trascinatore Sykes, finendo il primo quarto in vantaggio. Dal secondo periodo è iniziata la rimonta delle scarpette rosse e la Sidigas è stata costretta quasi sempre alla rincorsa fino ad accumulare uno scarto di circa 14 punti. Nessun rimpianto per Avellino, che fino all’ultimo ha giocato la propria partita e dato filo da torcere. Mercoledì i biancoverdi ritornano fra le mura amiche per Gara3 e il PalaDelMauro potrà essere un fattore chiave.

Starting five scelto da Maffezzoli: Harper, Sykes,Campogrande, Udanoh e Young

PRIMO QUARTO- Young sblocca il match a ribalzo. Milano accorcia con Jerrells, mentre la Sidigas trova il +3 del folletto di Chicago. Nuovamente Sykes sulla sirena dei 24’’. L’ex Ankara continua la sua striscia positiva, terza tripla di fila (4-11). Harper a referto, Pianigiani corre ai ripari con il time-out. Al 8’ Avellino percuote ancora Milano: Udanoh firma il 5-18. Reazione con Cinciarini. Milano si rialza dalle ceneri, dopo il brutto avvio iniziale guadagnando un break 7-0: Micov firma canestro e tiro libero. Maffezzolli chiama il time-out.  La Scandone chiude un ottimo primo quarto, mettendo non poca pressione alle scarpette rosse. Sykes il trascinatore degli irpini. Fine periodo: 13-18.

SECONDO QUARTO- L’Olimpia Milano accorcia le distanze con Micov, poi risposta di Harper. Ancora l’ex Galatasaray per Milano (15-20). L’ex guardia di Brindisi blinda i due tiri liberi dalla lunetta, poi scossone dell’Olimpia con l’ex Nunnally, che trova due triple consecutive. Primo vantaggio di Milano, dopo aver sofferto la presenza di Avellino nel primo quarto fino a ribaltare il risultato. Tarczewski conclude la stoccata dei meneghini (26-22). Time-out Sidigas. I biancoverdi non mollano la presa ed arriva la schiacciata di Young. Sykes pareggia i conti dalla lunetta, ma nulla è valso, poiché Milano prima con Tarczewski e poi Jerrells da 3 scappa. Altra bomba dell’ex Gerusalemme (34-28). Della Valle firma il +10 dei lombardi, Avellino arranca. Harper dalla lunetta, poi reazione delle scarpette rosse con Junnally e Della Valle. Fine secondo quarto: 42-30.

TERZO QUARTO- La Sidigas avvia la ripresa con il lay-up di Udanoh, poi risposta di Jerrells. Ndiaye fuori per infortunio al piede. Campogrande commette fallo su Tarczewski, il centro statunitense non perdona dalla lunetta. Altri due punti per Tarczewski in schiacciata (48-34).  Sospensione Sidigas. Dominio Milano, che sta letteralmente sbaragliando senza non troppi problemi Avellino. Nunnally trova un altro canestro (50-34). Silins inizia a scaldare la mano fuori dall’arco, però Jerrells replica anche lui da 3.  Tecnico a Brooks, Harper tiene ancora a galla Avellino e sigla i tre tiri liberi. L’ex Houston Rockets a quota 16 punti per Milano, dopo aver trovato un’altra bomba. Fine terzo periodo: 58-44.

ULTIMO QUARTO- Terzo fallo di Udanoh, in seguito ad un tecnico ricevuto dagli arbitri; Nunnally realizza il tiro libero a disposizione. Inizia la rivoluzione a firma irpina: break di 0-5 con Young e Silins da 3 (59-51). Time-out dei lombardi. Milano rientra bene dalla sospensione e Jerrells inchioda la tripla. Milano punisce due volte da 3 con Kuzminskas (68-53). Altro time-out di Avellino. Udanoh a canestro su assist di Harper. Micov sigilla i due tiri liberi, poi reazione di Sykes (70-57). Brooks chiama, Young risponde facendo 1/2. Sospensione di Avellino. La formazione irpina, nonostante i 14 punti di svantaggio, sta cercando comunque di mettere in difficoltà ed accorciare il gap con l’Armani. Udanoh ferma il tentativo di andata a canestro di Jerrells. Nunnally chiude la partita e regala Gara2 a Milano. Fine partita: 76-61.