BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 27 Febbraio 2019

Monteforte celebra il talento del cestista Riccio sbarcato negli Usa

Quattro anni di college, uno di High School e una laurea in arrivo a Maggio. La storia di Gianpaolo Riccio, giovane cestista montefortese volato negli States per coronare il sogno a spicchi, è costellata di successi e soddisfazioni. Il suo attuale team, l’Ave Maria Gyrenes, ha da poco conquistato il trofeo della “The Sun Conference” organizzato dalla federazione accademica “Naia”, ma la carriera di Gianpaolo è stata un susseguirsi di ascese cestistiche e scolastiche.

La passione per il basket, Gianpaolo, la eredita dal fratello maggiore, poi arrivano i primi canestri centrati dal parquet dell’Asd Basket Monteforte e il successivo esordio con la prestigiosa casacca della Scandone Avellino, che rappresentano per il giovane montefortese un punto di partenza verso il mondo della palla a spicchi.

Oggi, con la nuova vittoria ottenuta in America, Gianpaolo continua ad essere un orgoglio per la sua terra, e, nonostante la nostalgia di casa, l’amore delle famiglia è stata l’arma più forte per continuare a seguire un percorso di crescita a 360 gradi. A parlare per lui sono anche i risultati raggiunti: vincitore dello scorso All team conference, top 15 dei tiratori da 3 per la stagione corrente, un anno nella Nca Division 2 e poi il trasferimento nell’Naia.

A celebrarlo è anche l’amministrazione comunale di Monteforte Irpino, che nella persona del Sindaco Costantino Giordano ha pubblicamente ringraziato il cestista: «Gianpaolo Riccio ci riempie d’orgoglio, perché sappiamo che dall’altra parte del mondo c’è un concittadino che porta alto il nome di Monteforte – ha dichiarato il Primo Cittadino – gli auguriamo i migliori successi professionali, accademici e sportivi. Siamo sicuri che la sua dedizione e la passione per il basket saranno ricompensati da una carriera arricchita da soddisfazioni. Faccio i complimenti a lui e alla sua famiglia da parte di tutta l’amministrazione comunale e di tutta la comunità montefortese.»