BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 21 Maggio 2020

MUGNANO. Emergenza idrica, l’appello del sindaco alla cittadinanza

Emergenza idrica, il sindaco di Mugnano del Cardinale Alessandro Napolitano invita la popolazione al risparmio e alla limitazione delle risorse.

In un appello, la fascia tricolore di Mugnano del Cardinale sottolinea la delicata fase che il comune sta attraversando e che probabilmente attraverserà nel corso dell’estate quando la crisi idrica potrebbe assumere proporzioni rilevanti.

Preso atto delle frequenti sospensioni dell’erogazione dell’acqua potabile da parte del gestore Alto Calore Servizi spa, disposte negli ultimi mesi quasi quotidianamente nelle ore serali e notturne in alcune zone del paese a causa di rilevanti assorbimenti, con enormi disagi per la popolazione residentescrive il sindaco –  Considerato che in materia di rifornimento idropotabile del territorio comunale si rendono necessarie misure urgenti tese ad ottimizzare l’utilizzo di risorse idriche nonché interventi straordinari di ammodernamento e/o sostituzione di tratti di rete idrica per la presenza di eventuali dispersioni; Ravvisata la necessità, anche quest’anno, di disporre misure di carattere straordinario e urgente finalizzate a governare in modo unitario e maggiormente incisivo l’utilizzo delle risorse idriche disponibili, al fine di garantire a tutti i cittadini di poter soddisfare i fabbisogni primari per l’uso alimentare domestico e igienico; Ritenuto che tale situazione impone l’adozione di iniziative improntate ad evitare un grave pregiudizio agli interessi collettivi; Considerato il carattere di contingibilità e urgenza per preservare la maggiore quantità di risorsa disponibile all’uso umano e alimentare e di ridurre conseguentemente i prelievi di acqua potabile dall’acquedotto pubblico per scopi diversi da quelli primari;

ordina

a tutta la cittadinanza e su tutto il territorio comunale, con decorrenza immediata e fino a revoca della presente, il divieto di prelievo e di consumo di acqua derivata dal pubblico acquedotto per: l’irrigazione e annaffiatura di orti, giardini e prati; il lavaggio di cortili e piazzali; il lavaggio privato di veicoli a motore; il riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino; – tutti gli usi diversi da quello alimentare domestico e per l’igiene personale”.

Intanto dopo tre sospensioni in quattro giorni a cavallo tra la scorsa e la presente settimana, la situazione legata al livello delle sorgenti sembra essere tornata sotto controllo.