BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 5 Giugno 2021

Non solo Avella e Sperone. Terzo Mandato: c’eravamo già visti nel 2006

Torna d’attualità la questione del terzo mandato. Quindici anni dopo, due comuni del Mandamento Baianese rivivono la situazione già vissuta a Mugnano del Cardinale e Sirignano. Oggi, infatti, sono i comuni di Avella e Sperone a fare i conti con il limite di mandato per i rispettivi sindaci. Per Domenico Biancardi (tra l’altro anche presidente della Provincia di Avellino) e Marco Santo Alaia, salvo colpi di scena in extremis dalle aule parlamentari, toccherà cedere il testimone. Circostanza, questa, destinata a condizionare lo svolgimento di quelle elezioni comunali che per il momento (data da ufficializzare) sono programmate per il prossimo 11 ottobre.

Il primo caso di terzo mandato nel Mandamento Baianese si è avuto nel 2006. Ad essere interessati i comuni di Mugnano del Cardinale e Sirignano. In quella circostanza, spinti anche dalla volontà dell’Anci, al pari di altri colleghi in tutta Italia, Giovanni Colucci (Mugnano del Cardinale) e Antonio Napolitano (Sirignano) decisero di “sfidare” la legge. La loro missione andò pure in porto. A Mugnano del Cardinale Colucci ottenne una larga vittoria, mentre Napolitano superò per una manciata di voti un “giovane” Raffaele Colucci. Subito dopo lo svolgimento delle elezioni, per le due fasce tricolori mandamentali toccò cominciare una lunga e discussa querelle giudiziaria, che portò al commissariamento dei due comuni. Gli iter furono diversi, e toccò al comune di Sirignano ritornare per primo alle urne. Nel 2007 ci fu la riscossa di Raffaele Colucci che sgretolò con circa quattrocento consensi di differenza il “Castello” di Napolitano (candidato in lista). A Mugnano del Cardinale, invece, si tornò alle urne nel 2008. In quella circostanza si impose Nicola Bianco (con Colucci candidato nella lista di Nuova Alleanza Popolare), che diede vita al suo decennio di amministrazione alla guida del paese.

La situazione del terzo mandato è tornata a sfiorare il comune di Sirignano nel 2016. In coincidenza della fine del secondo mandato del sindaco Raffaele Colucci (2016), c’è stata però la modifica alla normativa diede il via libera al Colucci ter, che si ricandidò (2017) e trionfò alle elezioni. Per lui, oggi, nessun odore di ulteriore deroga. Nel 2022 terminerà dopo quindici anni l’esperienza sindacale nel comune di Sirignano.

Sempre nel 2022 la situazione del terzo mandato interesserà anche il sindaco di Baiano Enrico Montanaro. La fascia tricolore di piazza Napoletano sta seguendo con interesse quando sta accadendo nelle aule parlamentari a Roma, poiché un eventuale via libera alla modifica del testo normativo, gli permetterebbe di ripresentarsi per la terza volta, e dare ulteriore continuità alla sua amministrazione cominciata nel 2011. Il sindaco di Baiano è anche uno dei papabili candidati alla guida presidenziale della Comunità Montana Partenio Vallo Lauro, visto che tra qualche mese l’uscente Domenico Biancardi non potrà continuare ad esercitare tale carica.