BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 25 Agosto 2016

NUTRIZIONE & BENESSERE. “Il pesce fa bene, ai diabetici di più”

Il pesce fa bene, ai diabetici di più!“: appuntamento con Nutrizione & Benessere a cura della dott.ssa Giuseppina Orefice.

Il consumo regolare di pesce, è risaputo ormai, fa bene alla salute perché esso è una fonte proteica e contiene acidi grassi polinsaturi a lunga catena (LC-PUFA) della famiglia omega–3 alleati della salute. Il pesce è consigliato a tutti in particolare è necessario per l’alimentazione corretta delle donne in gravidanza, a quelle in allattamento, nella prima infanzia anche perché contribuisce ad un corretto sviluppo neurologico.
I grassi omega-3 hanno anche una funzione di prevenzione contro le malattie cardiovascolari e proprio per questo si consiglia di utilizzare pesce almeno 2-3 volte a settimana per gli over 50. Da un recente studio prospettico, PREDIMED, emerge che anche per i diabetici, mangiare pesce è necessario e salutare, perché protegge la retina, riducendo il rischio di retinopatia che con il tempo nei soggetti affetti da diabete di tipo II può portare alla cecità.
I partecipanti allo studio, 3614 individui spagnoli di età compresa tra 55 e 80 anni con una precedente diagnosi di diabete di tipo 2 hanno praticato per 6 anni, dal 2003 al 2009, un regime alimentare rispondente ai canoni della dieta mediterranee con l’insostituibile presenza di olio extravergine di oliva e frutta secca. I partecipanti allo studio hanno dichiarato di aver consumato la dose giornaliera di omega-3 raccomandata per una corretta prevenzione cardiovascolare, pari ad almeno 500 milligrammi al giorno (due porzioni circa di pesce a settimana).
Sono stati presi in considerazione i dati relativi a 3482 partecipanti dei 3614 reclutati per lo studio, il 48% erano uomini e l’età media era di 67 anni.
In conclusione: in soggetti di mezza età e anziani con diabete di tipo 2, l’assunzione di almeno 500 mg al giorno mediante l’alimentazione di acidi grassi polinsaturi a lunga catena omega-3, riduce il rischio di retinopatia diabetica del 48% rispetto ai coetanei che invece consumavano meno pesce stando sotto la dose minima raccomandata.
Allora è bene programmare l’acquisto di pesce, meglio se azzurro almeno due volte alla settimana per tutta la famiglia.

Per approfondire:
Aleix Sala-Vila et al.-Dietary Marine ω-3 Fatty Acids and Incident Sight-Threatening Retinopathy in Middle-Aged and Older Individuals With Type 2 DiabetesProspective Investigation From the PREDIMED Trial JAMA Ophthalmol. Published online August 18, 2016

A cura della dott.ssa Giuseppina Orefice
Biologa – Nutrizionista
via Gramsci, 5 Mugnano del Cardinale (AV)
cell. 3291798761
e-mail studio@nutrizionistaorefice.it
www.nutrizionistaorefice.it