BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 1 Settembre 2016

NUTRIZIONE & BENESSERE. Quale olio è adatto alla frittura?

“Quale olio è particolarmente adatto alla frittura?”. Nuovo appuntamento con la rubrica Nutrizione & Benessere a cura della dott.ssa Giuseppina Orefice.

Tra in banchi del supermercato c’è l’imbarazzo della scelta, tanti sono gli oli vegetali anche in versione mix pubblicizzati per uso frittura. Quale olio scegliere per una frittura gustosa ma salutare? La scelta dipende da una caratteristica dell’olio: la resistenza al calore, più è alta meno si degradano le sostanze contenute nell’olio. È necessario però conoscere anche le trasformazioni industriali, in particolare i trattamenti termici subiti da un olio prima di arrivare sulla nostra tavola. L’olio extravergine d’oliva, considerati questi parametri, è il migliore naturalmente quello ottenuto da macinazione a freddo. Tra gli oli di semi quello che gli somiglia di più è l’olio di arachide. Se i vostri fritti non sono molto croccanti vuol dire che l’olio è caldo al punto giusto. Attenzione se i cibi fritti cominciano a bruciacchiarsi l’olio va sostituito. Una volta utilizzato va smaltito secondo le regole di una buona raccolta differenziata e conservato per il ritiro in appositi contenitori. Mai riutilizzare un olio per una seconda cottura, si ingerirebbero sostanze deleterie per la salute.

A cura della dott.ssa Giuseppina Orefice Biologa – Nutrizionista

via Gramsci, 5 Mugnano del Cardinale (AV)

cell. 3291798761

e-mail studio@nutrizionistaorefice.it

www.nutrizionistaorefice.it