BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 9 Agosto 2020

QUADRELLE CIVICA. Rozza: “Il 21 settembre è già vicino; poi ci sarà tanto da lavorare”

Simone Rozza rilancia l’andatura di Quadrelle Civica. Per il gruppo facente capo all’ex sindaco cominciano le ultime due settimane che porteranno all’ufficializzazione dello schieramento per l’elezione del nuovo consiglio comunale. Un momento cruciale della marcia verso il voto con l’ex fascia tricolore e il suo gruppo che fanno il punto della situazione

Siamo tranquilli e compatti. L’organico è stato definito e presto ci saranno comunicazioni importanti alla cittadinanza”.

Rozza, che clima si respira all’interno della vostra formazione?

Nel nostro gruppo vi è tanta fiducia per quello che sarà il responso dell’elettorato, ma soprattutto tanta determinazione per cercare di essere utili alla causa di un paese che necessita di una nuova azione politica e amministrativa. L’anno di commissariamento, purtroppo, ha praticamente bloccato l’ente in virtù della sua gestione ordinaria, e sotto questo punto di vista ci attende un lavoro non indifferente di riattivazione di tante progettualità. Come abbiamo dimostrato nei mesi addietro vi è anche da precisare che le difficoltà certamente non ci spaventano”.

Quali sfide attendono il comune di Quadrelle.

Tantissime. E dispiace che fino a questo momento non ho sentito ancora nessuno parlare di programmi. Ci sono tante questioni da affrontare responsabilmente, e noi siamo disposti a farlo. Sul fronte delle opere pubbliche ci attende la sfida per la riqualificazione dello stadio “Fusaro”, della piazza Vittoria, dell’ex sede della Comunità Montana Partenio Vallo Lauro, e di diversi aspetti della viabilità cittadina. Non appena ci insedieremo faremo il punto della situazione con i comuni di Mugnano del Cardinale e Sirignano per quanto riguarda la realizzazione del nuovo pozzo che, finalmente, dopo anni di disagi risolverà il problema dell’approvvigionamento idrico anche nel nostro paese. Saremo mobilitati per la tutela dell’ambiente e la valorizzazione del patrimonio montano, su come approcciarsi alle sfide della multimedialità; quali azioni mettere in campo nella cultura come il rilancio dell’ex casa Mattis, come valorizzare il centro storico. Saremo concentrati sull’aspetto della quotidianità come il problema dello spazzamento e su come a provare a migliorare una raccolta differenziata che grazie al nostro operato era giunta quasi alla ragguardevole soglia dell’80%. Un ottimo lavoro quello svolto in precedenza che ora dovrà essere reimpostato perché il comune di Quadrelle ha perso diversi punti scendendo, purtroppo, intorno al 70%. Poi ci sarà l’aspetto economico e finanziario da tenere assolutamente in considerazione tenuto conto degli stringenti trasferimenti dallo Stato Centrale. Un’attenzione di riguardo va anche alle politiche sanitarie con un occhio di riguardo alla prevenzione da contagio da Covid-19. Di questo e di tanto altro discuteremo con gli elettori in questo periodo che ci separa dal voto”.

E’ stata la settimana del caso Capriglione…

Appunto, è stata…Per noi questa storia è un capitolo chiuso. Qualcuno ha provato a giocare confondendo la delicatezza e la responsabilità della competizione elettorale con altro. Quadrelle Civica è un contenitore di proposte programmatiche nell’interesse esclusivo della cittadinanza dove le logiche personalistiche e dei numeri sui quali alcuni soggetti hanno cercato di convogliarci, come confermato dai fatti, non ci hanno mai appartenuto, condizionato o fatto traballare. Noi siamo una lista di condivisione, non di divisione; di unione, non di separazione; di azioni trasparenti, non di movimentazioni oscure; preferiamo apparire alla luce del giorno anziché nasconderci nel buio della notte; preferiamo discuterne ad ampio raggio e davanti a più persone e non rannicchiarci in quattro mura. Per quanto accaduto ci assumiamo le nostre responsabilità, ci prendiamo ovviamente le nostre colpe perché qualche errore, anche se in buona fede, è stato commesso. Ma quanto imputabile a noi non è mai peggio di chi in questa circostanza ha smarrito quel rimanente briciolo di credibilità e dignità che Quadrelle Civica, seppur in pochi giorni, gli aveva permesso di cominciare a recuperare. Tutto quello che sta accadendo contribuirà ad allontanare ancora di più le persone perbene dalla politica, noi ci stiamo attivando affinché ciò non avvenga”.

Leggendo i social gli attacchi diretti sul suo conto sembrano essere una costante.

Non ho mai avuto grande considerazione di quelli che si identificano come leoni da tastiera. Bensì, come ho sempre dimostrato nella mia vita professionale e politica, ho avuto sempre un grande piacere ad interfacciarmi e a discutere apertamente e democraticamente con tutti. Più che leoni da tastiera a quei cani sciolti che attaccano ripetutamente la mia figura senza una valida motivazione politica, ma solo per una questione personale, ricordo che io sono già qua, pronto a scendere in campo. Il loro girovagare, il loro smarrimento, non so dove li porterà. Mi auguro, tra due settimane, di non fare ricorso alla trasmissione “Chi l’ha visto”. Se la politica quadrellese è ridotta ad un livello così basso è anche per questo motivo che dobbiamo cominciare a farcene una ragione”.

Lei è stato attaccato anche per la visita e l’incontro con l’ex premier Matteo Renzi avvenuto ad Avella.

Dispiace, ma siccome siamo in campagna elettorale tutti sentono il dovere di dire qualcosa e di strumentalizzare ogni episodio. Coloro che oggi si ergono a paladini delle res pubblica, perché non hanno proferito parola quando il sottoscritto si è recato in Regione Campania ed è stato ricevuto dal Governatore De Luca? Perché questi personaggi sono rimasti in silenzio quando il consigliere regionale Enzo Alaia, cui va tutta la nostra stima e il ringraziamento per quanto fatto in passato, ci è stato vicino per seguire vicende importanti del nostro territorio? Perché questi personaggi erano in silenzio quando il sottoscritto si è recato in Provincia dal presidente Biancardi, che ringrazio anch’egli vivamente per le attenzioni che ci ha prestato durante il nostro precedente mandato, per manifestare esigenze concrete del comune di Quadrelle? O ancora, perché questi tuttologi temporanei non hanno parlato quando sono stato in visita ad altre importanti autorità istituzionali? Dov’erano? Oggi, purtroppo, bisogna pur capire questi soggetti perché, almeno questo dato li conforta, viste le alte temperature, hanno abbandonato il letargo e quindi, prima del ritorno in altura, hanno un motivo in più per interessarsi di qualcosa grazie al loro dilettantismo…Non essendo mai stati amministratori, o essendoli stati per hobby, non conoscono quanto sia importante la rete dei rapporti istituzionali per cercare di dare prospettive e vitalità alle popolazioni rappresentate. Meno male che il 21 settembre è vicino…”.



a>