BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 3 Maggio 2021

Quando a Maggio “Ragliavane i somari”

Cosi, Pasquale Biancardi, “O Cuozzo“, per il passato, e Carmine Napolitano, ” ‘O Bicicletta“, per il presente, interpretavano il mese summenzionato, nella rappresentazione, nel periodo di carnevale, dei “Dodici Mesi” (Li rurici mìse):

I’ sò Màggio e pòrt’ ‘a ròsa

e sèmpe ‘mpiètto me cunsòla,

i’ p’è ròse pèns”o sòle,

i’ p’è ròse morirò.

Vìre quànna ‘bbèlle ‘rròse,

quànna zìngare vòl”a spòsa,

quànna vàsi vò quaglià.

I’ perciò me mèngo annànzo

pè la glòria rà staggiòne,

sèmp’ ‘o fàccio lu squarciòne

a tutti allère fàccio stà.

Pùre p”e ‘cciùccie è ‘na ‘llerèzza,    

mò ch’è Màggio sèmpe all’ària,

mò ch’è Màggio e l’ària è  ‘bbèlla,

mò ca Giùgno se ne vène

nisciùna ciùccia ràglia ‘cchiù“.

La canzone ci conferma che, un tempo, solo nel giorno dedicato alla Vergine e ai fioretti e alle rose, i “CIUCCI/E” potevano ragliare, ma è anche il mese della Festa dei Lavoratori e della Mamma e ai figli s’insegnava: “O mamma, vo’ dirti una cosa/che forse ti piacerà tanto/stanotte, passandomi accanto,/mi disse il Bambino Gesù:/<Felice quel bimbo che vive/protetto da un angelo pio!>/O mamma, quel bimbo son io;/quell’angelo, o mamma, sei tu!/, ricordando, altresì “Salutan Maggio gli uccellini in coro” o “Maggio vive tra musiche di uccelli“.

Da Maia, dea delle messi e dell’abbomdamza e della fecondità, adorata dai Romani trae origine il nome e si festeggiava, nel primo giorno del mese, offrendole una scrofa, così pure come ci riporta alla memoria, “maiale”, pure derivante dalla stessa divinità.

Era il mese, per gli avellani che, nella sua prima domenica, veniva portato in processione San Sebastiano, patrono, con le ciligie, per ringraziarlo per averli liberati dal colera e ricorre anche il 22, Santa Rita dei casi disperati e San Pasquale, del quale, avveniva una sacra e sentita rappresentazione, con attori locali, nel giorno del suo onomastico, il 19, e, intanto, le donne, in cerca di marito, recitavano questa preghiera “San Pasquale Baylonne/protettore delle donne,/mandami un marito/bello forte e saporito/ come te, tale e quale/o santissimo Pasquale“, ed, inoltre, essendo il periodo delle fave, se ne prendevano tre; una la sbucciavano tutta, l’altra per metà e la terza la lasciavano intera e le collecavano sotto ” ‘O saccone“. (Materazzo)

La ragazza, che voleva sapere la sua sorte, sposandosi, introduceva la mano e, se era sbucciata, metà, allora il matrimonio andava così così, se, invece, tutta  vuota vuota, certamente, non andava bene ed  chi prendeva la ripiena, aveva un matrimonio felice e ricco; ecco perchè “Chìlle tène ‘a fave chiena“.

Il calendario è zeppo, anche, di altri santi e qualcuno, come san Filippo, il 26, è abbinato alle condizioni atmosferiche “Sa piove a san Filippo/, il povero contadino  non avrà bisogno del ricco“.

A maggio ricorrono avvenimenti ed eventi storici ngativi e positivi quali: “Giornata di Liberazione dell’Europa dal Nazismo (8)”; “Giornata dell’Europa Unita (5)”; “Partenza di Garibaldi e i suoi Mille da Quarto, 5 del 1860, mentre il 24 del 1915, l’Italia entra nella Prima Guerra Mondiale, e non ultimo avvenimento quello della Tragedia di Superga il 4/5/1949, col disastro aereo, in cui morirono i calciatori del Torino.

Indubbiamente non possono mancare i proverbi, sempre tenuti in debita considerazione dei contadini, per i quali la pioggia di maggio è buona per la campagna, per cui “Vale tanto n’acqua ‘e maggio e d’abbrile/quanto vale nu carro d’oro e chi ‘o tira“, fermo restando, però, che egli non vuole una pioggia abbondante ma moderata  “Maggio, una e ‘bbona“.

Normalmente il freddo, oramai, è lontano, anche se i saggi sogliono affermare “Maggio aggiungi panni/Giugno fà cùmme te pare” e per meglio comprendere il concetto, ecco “A otto ‘e maggio/a vecchia jettaie ‘o trapanature a ‘o ffuoco“. Anche se, per altri centri, si parla del Trenta, ma ogni mondo è paese.