BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 7 Settembre 2019

SAVIANO – CAROTENUTO 2-1. Esordio amaro, il ko arriva nel recupero

SAVIANO – CAROTENUTO 2-1
Saviano: Bardet de Villanova, Manzo, Notaro, Orefice, Giannino, Sepe, Bracale, Relli, Ascione, F. Falco, Iovino.
A disposizione: Cibelli, S. Falco, Scala, Florio, Incarnato, Coppola, Vecchione, Nucci, Grandi.
Allenatore: Minichini.

Carotenuto: Giliberti, A. Montuori, Sgambati, Auriemma, Cuomo, Albertini, Napolitano, Colucci, Diallo, De Sapio, Spina.
A disposizione: Mele, Piazzola, Caverni, D’Apolito, Isola, Mainolfi, Pugliese, Candela, Festa.
Allenatore: Biancolino.
ARBITRO: Argenziano (Avellino).
ASSISTENTI: Abate (Salerno) e Avallone (Nocera Inferiore).
AMMONIZIONI: Cuomo(C), Orefice(S), Ascione(S), Sgambati(C), Giannino(C)
RETI: Falco(S) 28′ pt, Candela(C) 38′ st, Ascione(S) 47’st

Esordio beffardo per il Carotenuto. I rossoneri cadono, all’ultimo minuto, contro il Saviano. Al “Pierro” termina due a uno in favore dei padroni di casa. Gara rocambolesca e decisa in extremis. Il Carotenuto non ha sfigurato contro una delle compagini più attrezzate del girone, anzi, è riuscita a gestire la gara, rendendosi maggiormente insidioso rispetto agli avversari. Il Saviano stenta a costruire, i rossoneri, tramite il possesso palla, padroneggiano il campo. Alla prima distrazione, però, gli ospiti vengono puniti. Poco prima della mezz’ora di gioco, la difesa mugnanese consente un triangolo offensivo tra Ascione e Falco, con quest’ultimo che raccoglie il passaggio finale e con un sinistro preciso batte Giliberti. Saviano in vantaggio. Non si fa attendere la reazione degli uomini di Biancolino, che non demordono e continuano a tenere testa agli avversari, risultando però sterili nella zona offensiva. Termina, con il medesimo punteggio, il primo tempo. La ripresa prosegue sulla falsa riga di quest’ultimo. Il Saviano si difende approfittando degli spazi vuoti lasciati da un Carotenuto maggiormente offensivo. Entrano Caverni e Candela per Spina e Napolitano. I rossoneri acquistano maggiore verve negli ultimi metri. E, dopo vari tentativi d’affondo, arriva la rete del pareggio. Un rimpallo restituisce la palla a Candela, che in area di rigore fa partire un destro al volo che si insacca alle spalle di Giliberti. Il centrocampista, appena entrato, fa esplodere il settore ospite, tinto di rossonero. Saviano uno, Carotenuto uno. Negli ultimi minuti di gioco sono addirittura i mandamentali a sfiorare il vantaggio, due volte, con Caverni. L’attaccante, lanciato da Diallo, non riesce a concludere nello specchio della porta, sciupando l’occasione di ribaltare il risultato. E, incredibilmente, su un capovolgimento di fronte, nell’ultimo minuto di gioco, un’incomprensione fra Albertini e Giliberti regala la palla ad Ascione, che a porta sguarnita non fallisce. Due a uno per i padroni di casa. Beffa atroce e dolorosa per i mugnanesi, al termine di una gara disputata perfettamente. Tutto ciò fa ben sperare per il futuro. Ora, bisogna smaltire la delusione e preparare già la prossima gara, contro il Manocalzati.