BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 11 Gennaio 2019

SIRIGNANO. Colucci ad Amodeo: “Se parlassi potrebbe “sgarruparsi” qualche palazzo”

Alta tensione. Se il consiglio comunale di fine 2018 sembrava aver posto fine alle beghe politiche sirignanesi, è bastato voltare pagina, affacciarsi nel 2019, e prendere atto che la tregua è stata solo temporanea o apparente. Pochi giorni dopo siamo nuovamente punto e daccapo. Con il sindaco Colucci che rimette nel suo mirino Luigi Amodeo (consigliere di minoranza) e passa nuovamente all’attacco. “La sua avversione nei nostri confronti non è un fattore politico, ma solo ed esclusivamente personale. Il consigliere comunale che sarà il futuro candidato a sindaco del paese, è pregato di smetterla di dare lezioni di moralità o legalità a questa amministrazione comunale ed in particolar modo al sottoscritto. Tutti possono averne diritto, ma lui forse è il meno indicato perché se riavvolgessimo il nastro risalendo all’Amodeo pre consigliere comunale, rischieremmo solamente di innescare un putiferio sui social e sui giornali”.

Il sindaco di Sirignano è un fiume in piena. “Prima di dare giudizi sugli altri Amodeo si facesse un esame di coscienza. Visto che sono stato giudicato per la mia vita privata, anch’io quindi comincerò ad informarmi cosa ha fatto nella sua il consigliere comunale, come è diventato quello che è oggi e, soprattutto, da dove è cominciato il suo odio nei confronti del sottoscritto e dei miei consiglieri. La sua invidia e la sua arroganza non hanno precedenti. Amodeo è vittima dei suoi stessi elettori. Le sue parole non sono dettate dal suo agire pensante, ma bensì dall’istigazione di chi gli è intorno. Quando il consigliere comunale chiede delucidazioni rispetto al collaudatore dei lavori al Castello Caravita forse è meglio che si guardasse prima intorno dai suoi attuali alleati e dai suoi falsi amici. Attaccando me attacca anche quelle persone che hanno contribuito a terminare i lavori al Castello. Caro Gigino, se parlassi potrebbe “sgarruparsi” qualche palazzo”.

Colucci torna anche sulla presidenza della Pro Loco Sant’Andrea di Amodeo. “Il consigliere comunale di minoranza ha solo sfruttato questo paese tant’è che quando è stato il presidente dell’organismo preposto alla gestione e alla valorizzazione socio culturale del paese, non è stato in grado nemmeno di organizzare un torneo di Scopone. Piuttosto che pensare ad altro Amodeo renda pubblico come ha gestito i fondi regionali assegnati alla Pro Loco durante la sua presidenza. Voglio e pretendo la rendicontazione perché nei prossimi giorni potrei recarmi alla Procura della Repubblica a denunciare il tutto”.

Un inizio 2019 decisamente incandescente a Sirignano. Le parole di Colucci, infatti, potrebbe avere un seguito molto caldo.