BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 14 Maggio 2022

SIRIGNANO. “Di figlio in padre”, Raffaele “cede” il testimone ad Antonio

A prescindere dall’esito delle elezioni del prossimo dodici giugno, Raffaele Colucci non sarà più il sindaco di Sirignano. La fascia tricolore, per limiti di mandato, non è più ricandidabile. Per il diretto interessato un passo indietro forzato. Uno stop destinato ad interrompere, tra un mese, quindici anni di attività sindacale al servizio della comunità sirignanese. Un’avventura, quella di Colucci, cominciata in giovanissima età. Aveva da poco compiuto i 30 anni, quando nel 2007 portò a casa la prima affermazione elettorale (vedi foto dei festeggiamenti insieme al papà) a distanza di circa dodici mesi dalla sconfitta sul filo di lana al “terzo mandato” (era il 2006) dal suo (ex) avversario Antonio Napolitano. Da quel giorno Colucci ha lavorato per il paese. Un’azione amministrativa, quella posta in essere, a tratti anche discussa, ma capace di reggersi sempre a galla, e di superare gli ostracismi quando il destino sembrava segnato. Oltre alle scelte politiche Colucci ha fatto “rumore” anche per i suoi comportamenti all’esterno della vita amministrativa ed istituzionale. “Provano a screditarmi in qualsiasi maniera – ebbe modo di affermare un giorno – ma qui si cerca di strumentalizzare che un sindaco nel tempo libero frequenti un bar con gli amici, va sugli spalti dello stadio a cantare con gli ultras, o che in piazza intoni una canzone con artisti famosi”. Colucci, volente o nolente, è destinato a rimanere nella storia del comune di Sirignano. Nel frattempo la nuova lista “Sirignano nel Cuore” è stata regolarmente presentata. Formalizzato il passaggio di consegne “di figlio in padre”. Alla guida dello schieramento, candidato sindaco, ci sarà Antonio Colucci. La “regia” della fascia tricolore uscente è destinata a farsi viva più che mai dal giorno successivo all’eventuale successo elettorale.  L’uscente Raffaele ha scelto il legame affettivo, ovvero il padre, per provare a dare la soluzione di continuità al lavoro effettuato nel corso di questi anni. “Quando vorranno sarò sempre a disposizione”, ha affermato nel giorno della presentazione della nuova squadra.