BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 5 Febbraio 2019

SIRIGNANO. Habemus consiglio, dopo aver “pagato” Colucci ritorna in aula

Habemus convocazione del consiglio comunale. Dopo tensioni e polemiche, con dure accuse e botta e risposte a distanza, la vicenda dell’incompatibilità del sindaco di Sirignano Raffaele Colucci e dei consiglieri comunali di maggioranza Gennaro Leonardo Fusco, Antonio Colucci e Armando Picciocchi, approda “finalmente” in aula.

La tanto attesa discussione sullo stato dei quattro esponenti della maggioranza si terrà lunedì dieci febbraio alle ore dieci e trenta (seconda convocazione il giorno successivo alle ore dodici).

Ufficiosamente gli amministratori comunali avrebbero saldato le rispettive pendenze con l’ente comune (nei termini fissati dalla legge) per sentenze passate in giudicato relative all’approvazione di debiti fuori bilancio nell’anno 2010 e 2013. Il sindaco Colucci avrebbe così ottemperato al pagamento di settemila euro; i tre consiglieri comunali, invece, avrebbero onorato importi che variano da mille ai duemila euro.

Regolarizzate le rispettive situazioni pendenti gli amministratori in questione sono pronti ad approdare in consiglio comunale per ufficializzare le rispettive azioni relative al versamento delle somme previste dopo la condanna.

La convocazione del consiglio comunale era stata diffidata dal Prefetto del capoluogo Maria Tirone.

In assise, visto il precedente clima rovente (che nell’ambiente sirignanese non rappresenta certo una novità, ma forse una normalità), non è escluso che si possa dar luogo ad una seduta accesa senza esclusione di colpi. Non è nemmeno da escludere, infine, che sulla scorta di quanto accaduto lo scorso ventotto dicembre (ovvero quando la situazione dei debiti nei confronti dell’ente comune fu già oggetto di una prima discussione) che la seduta (o parte di essa) possa svolgersi a porte chiuse per questioni di privacy.