BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 12 Febbraio 2019

SIRIGNANO. Rabbia Colucci: “Cattiverie contro Picciocchi. Minoranza senz’anima”

SIRIGNANO. Rabbia Colucci: “Vergogna e cattiverie contro Picciocchi”

Ciclone Raffaele Colucci. Il sindaco di Sirignano preferisce non entrare nel merito del rinvio (clamoroso) del consiglio comunale, ma si stringe intorno al consigliere comunale Armando Picciocchi. Dalle sue parole si intuisce ufficiosamente che la compagine di Sirignano nel Cuore vive un momento delicato. Il consigliere, infatti, si troverebbe in una situazione di incompatibilità per non aver saldato (in tempi record) le pendenze con l’ente comune. Il consiglio comunale che avrebbe dovuto far luce non solo sulla sua condizione, ma anche su quella del sindaco e dei consiglieri Fusco e Colucci (che avrebbero però saldato le rispettive pendenze), non si è tenuto. La maggioranza, con questa nuova strategia, starebbe cercando di salvare il seggio del consigliere comunale.

La fascia tricolore, in attesa di quelli che saranno i risvolti che decreterà il Prefetto del Capoluogo (che aveva a sua volta diffidato il comune per ben due volte alla convocazione dell’assise sul caso incompatibilità) mette nel suo mirino l’opposizione. “Un atteggiamento vergognoso, deprimente e ricco di cattiverie. Se esiste la giustizia divina i nostri avversari devono passare ciò che augurano a noi. Abbiano almeno il coraggio di non essere ipocriti. Quando incontrano i famigliari del consigliere comunale li salutano, poi dopo qualche ora hanno la faccia di andare in consiglio comunale per metterlo alla porta”.

Colucci resta accanto al consigliere Picciocchi. “Non potrebbe essere altrimenti. Contro di lui è in atto un vero e proprio accanimento senza giustificazione. Armando è un giovane che ha dato tanto per la nostra comunità: dispiace che oggi sia vittima di odio e rancore quando sta attraversando un momento di difficoltà. Purtroppo a Sirignano facciamo i conti con alcuni personaggi rozzi di politica che non hanno cuore, anima ed intelligenza. Mi auguro che il popolo di Sirignano rifletta ancora una volta rispetto a chi rivolgersi per essere rappresentato in futuro. Sono sicuro – conclude Colucci – che tra qualche giorno anche il consigliere Armando Picciocchi definirà la sua situazione”.