BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 9 Febbraio 2019

SPORTING ACCADIA – CAROTENUTO 5-0. Tracollo mugnanese in casa della capolista

SPORTING ACCADIA – CAROTENUTO 5-0


Sporting Accadia:Ciasullo, Santosuosso, Martino, Dell’Infante, Grasso, Celestine, Pascucci, De Novellis, Fiore, Musto, Capobianco. A disposizione:Ragazzo, Vernacchia, Macchione, Armonico, Vitagliano All. Giampaolo Del Vecchio

Carotenuto:Napolitano A., Napolitano A., Rega, Quadro, Napolitano S., Candela, Auriemma, Barbarisi, Caverni, De Stefano, Ferrante.A disposizione:Tedeschi, Piazzola, Iuliano, ColucciAll. Michele Napolitano
Ammonizioni: De Stefano(C), Auriemma(C), Dell’Infante(A), Ferrante(C)
Reti: 41’pt 44’pt 10’st Musto(A), 33’st Lo Conte(A), 36’st Macchione(A)
Batosta per il Carotenuto, in quel di Ariano, contro lo Sporting Accadia. La capolista s’impone per cinque a zero e i rossoneri crollano. Al Renzulli gli uomini di Napolitano reggono fino al 40esimo della prima frazione di gioco. Poi, inizia lo show di Musto. Il numero dieci s’infila nella retroguardia ospite e, dinanzi a Napolitano, non sbaglia. Accadia in vantaggio. Soltanto tre minuti più tardi viene assegnato un rigore agli alti irpini per fallo piuttosto discutibile. Dagli undici metri ci va Musto, che spiazza il portiere rossonero. Due a zero. Termina così il primo tempo. La ripresa vede gli ospiti rincorrere la reazione. Candela ha l’occasione di riaprire il match, ma il suo tiro da fuori area viene parato da  Ciasullo. Ma al decimo minuto, si chiude il match. Il solito Musto sfrutta un’indecisione di Rega e Angelo Napolitano e ne approfitta, concludendo con un destro a giro alle spalle dell’estremo difensore. È tre a zero, ma non finisce qui. Il Carotenuto accusa il colpo e non riesce ad arginare gli attacchi avversari. Alla mezz’ora, fallo di Ferrante in area di rigore. È di nuovo penalty. Stavolta dal dischetto ci va Lo Conte, che non sbaglia. Poker dell’Accadia, che si incrementa tre minuti dopo, con la rete di Macchione. Dunque, cinque a zero. La gara prosegue per inerzia sino al triplice fischio finale. I rossoneri interrompono la striscia di risultati positivi che andava avanti da novembre. Si ritorna alla sconfitta, certamente altisonante, ma contro la prima in classifica. Ora, testa alla Vallatese, mercoledì in casa, per dimenticare il tonfo odierno.