BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 2 Settembre 2014

LIBRI. La recensione di MN: Il Fascino del Peccato

 

Titolo: Il fascino del peccato
Autore: Aimee Agresti
Serie: Gilded Wings #1
Editore: Nord
Pagine: 464
Prezzo: € 18,60
Data di pubblicazione: 2013
Ho il privilegio di lavorare in uno degli alberghi più lussuosi del mondo.
Ho la fortuna di stare accanto all’uomo più affascinante che abbia mai incontrato.
Ma oltre la luce c’è sempre l’oscurità…
Colonne di marmo, scalinate vertiginose, lampadari di cristallo: finalmente il Lexington Hotel sta per tornare al suo antico splendore. E, per la giovane Haven, la riapertura dello storico albergo di Chicago rappresenta un’opportunità imperdibile. Dopo una durissima selezione, la ragazza è stata infatti assunta come fotografa: ben presto, potrà entrare in contatto con molti personaggi influenti e iniziare così una carriera di successo. Bastano pochi giorni, però, perché Haven si renda conto che quel lavoro nasconde un lato da incubo, fatto di orari assurdi, meschinità e richieste impossibili da soddisfare. Per fortuna il suo supervisore, Lucian, è una persona molto comprensiva, oltre che un uomo incredibilmente affascinante… Determinato, ambizioso e sempre circondato da splendide donne, Lucian è un vero seduttore ma, benché sia molto attratta da lui, Haven non vuole essere l’ennesima conquista e, soprattutto, non si fida. Sarà per il mistero che circonda alcune zone dell’albergo – dove Lucian le proibisce di andare –, per l’asprezza con la quale lui a volte rimprovera i colleghi o per il fatto che non voglia mai essere fotografato? È come se la gentilezza e la disponibilità di Lucian fossero una facciata, una maschera dietro cui si cela un animo oscuro e molto pericoloso…
Recensione

Non mi aspettavo molto da questo libro. Bè, quando ho saputo che usciva sì, ma quando ho iniziato a leggere recensioni non proprio entusiastiche allora ho deciso di non spendere tutti questi soldi. Perché diciamocelo… 18,60 euro mi sembrano un pò troppi anche per un libro di 464 pagine. Comunque, se non me lo avessero prestato probabilmente non lo avrei mai letto. Fatta questa premessa vi dico cosa ne penso. Dalla trama si capisce subito che è un libro particolare e che ha tutti i presupposti per essere “diverso dai soliti”, ma stranamente ho scoperto che la trama manda il lettore fuori strada con alcune frasi assolutamente non vere. A meno che io non abbia letto un altro libro. Libro che parte non solo a rilento ma procede in questo modo per tutta la sua durata. L’autrice scrive molto bene e nonostante tutto le pagine scorrono con piacere ma non succede niente di quello che mi aspettavo. Heaven Terra (non fate quelle facce) è una delle migliori studentesse della sua scuola. Assieme al suo migliore amico Dante e al timido Lance vengono scelti a lavorare come stagisti presso uno degli alberghi più famosi della città. L’albergo in questione era, un tempo, il luogo di ritrovo del famigerato Al Capone e della sua banda di criminali. I ragazzi dovranno dare prova di intelligenza e capacità al cospetto della direttrice del Lexington Hotel, una donna bellissima di nome Aurelia, fredda quanto un cubetto di ghiaccio e del suo vice, l’affascinante ed enigmatico Lucien.
Heaven e i suoi amici alloggiano per tutta la durata dell’anno scolastico nell’Hotel svolgendo diverse mansioni e lavorando a stretto contatto con l’Outfit, un gruppo di bellissimi e perfetti ragazzi che sembrano apparire quando meno te lo aspetti. Detto questo, la storia vera e propria non ingrana per buona parte del libro. Mi ha dato la sensazione di leggere il racconto di una lunga giornata lavorativa. Non succede nulla di interessante o, quando succede, è un attimo breve che fugge via. Accadono cose strane ma la protagonista sembra non badarci e fare finta di niente. I dialoghi sono quelli che mi hanno deluso di più. Non c’è un discorso profondo manco a pagarlo, ne ho trovato soltanto uno ma quasi verso la fine. Heaven è un personaggio piatto che non suscita né antipatia né simpatia. E’ coraggiosa e molto intelligente ma è troppo timida e solitaria, e prende tutto come viene facendosi venire soltanto qualche palpitazione e tremarella alle ginocchia. Mah! L’unico fatto degno di nota è un misterioso libro, apparso dal nulla che da consigli alla nostra eroina. Dante all’inizio si è dimostrato simpatico ma poi nella storia ha perso risalto. Anche Lance è un ragazzo timido ed è l’unico che sta vicino a Heaven e si riscatta un pochettino quando finalmente prende il controllo della situazione, cioè nell’ultima pagina. Lucien, invece, è un personaggio intrigante e misterioso, ma in alcune situazioni viene messo da parte e non si ha la possibilità di conoscerlo bene. E poi mi sono completamente sbagliata. Pensavo che la storia narrasse di vampiri, invece ci troviamo di fronte angeli e demoni. Il racconto è tirato troppo per le lunghe, ti porta fuori strada e per buona parte non si capisce niente, oltre ad avere alcune similitudini con Il ritratto di Dorian Grey, romanzo che tra l’altro ho odiato moltissimo.
Tutto sommato non voglio bocciare il romanzo perché in fin dei conti si è rivelato una lettura abbastanza veloce, almeno per lo stile di scrittura, e poi verso la fine è un pò migliorato. Il mondo in cui è finito poi… sono curiosa di leggere lo stesso il seguito perché so che si saranno dei risvolti importanti e spero che l’autrice sappia gestirli al meglio e renderli quanto meno interessanti.
E questo è tutto.
images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif