BIG BANG
BIG BANG

Pubblicato il: 2 Febbraio 2015

SPERONE. Opportunità lavorative, da oggi boccata d’ossigeno per i disoccupati

 

Opportunità lavorative per i disoccupati, l’amministrazione comunale di Sperone scende in campo. Nella giornata odierna l’esecutivo guidato dal sindaco Marco Santo Alaia ha ufficializzato l’attivazione di progetti di lavoro occasionale di tipo accessorio con il sistema dei buoni lavoro (voucher) al fine di promuovere, appunto, l’occupazione con l’inserimento temporaneo e straordinario di cittadini meno abbienti. E’ aperta, per questo motivo, la possibilità per i tanti giovani di presentare domanda di inserimento in una short list che avrà il compito di selezionare i soggetti idonei allo svolgimento delle attività.,

Il pagamento della prestazione di lavoro occasionale avverrà tramite il meccanismo dei buoni lavoro (voucher da € 10,00 lordi cadauno pari a n. 1 ora lavorativa) che garantiscono copertura previdenziale presso INPS e assicurativa presso INAIL. La retribuzione è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. Il compenso dei buoni di lavoro dà diritto all’accantonamento previdenziale presso l’INPS e alla copertura assicurativa presso INAIL ed è totalmente cumulabile con i trattamenti pensionistici. Lo svolgimento di lavoro occasionale non determina l’instaurazione di un rapporto di lavoro e non dà diritto a prestazioni di malattia, di maternità, di disoccupazione né ad assegno per il nucleo familiare. I prestatori di lavoro occasionale non matureranno ferie, Tfr, indennità di trasferta o qualsiasi altro emolumento o indennità, in quanto la prestazione deve intendersi totalmente compensata tramite il “Buono Lavoro”. Pertanto il corrispettivo netto della prestazione a favore del prestatore è quindi pari ad € 7,50 ogni ora di lavoro. Ambiti di interesse e attività.

Coloro che saranno individuati si occuperanno delle seguenti tipologie di lavoro: giardinaggio e cura del verde pubblico; custodia e sorveglianza su impianti e beni immobili vari; pulizia e manutenzione di parchi, giardini, strade, parcheggi, edifici, scuole, sale e qualsiasi altra struttura di proprietà dell’Ente locale o ad esso destinata in gestione; supporto alle manifestazioni sportive, sociali, artistiche, educative, culturali e di gestione del tempo libero in generale, organizzate, gestite e/o patrocinate dall’Amministrazione Comunale; collaborazione a progetti o iniziative di varia natura, organizzati o gestiti dal Comune al suo interno o in partenariato con enti e, per lo svolgimento di specifiche e temporanee mansioni non destinabili al personale interno o agli addetti delle organizzazioni partner; interventi di emergenza o di solidarietà promossi dall’Ente nell’ambito del territorio locale; azioni di temporaneo supporto agli Uffici e Servizi comunali per specifiche attività o progetti.

Per poter entrare a far parte della graduatoria occorre essere in possesso dei seguenti requisiti. Uomini e donne maggiorenni e residenti nel Comune di Sperone, di cittadinanza italiana e stranieri regolarmente soggiornanti in Italia (residenti nel Comune) e in possesso di un permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di attività lavorativa, compreso quello per studio, o (nei periodi di disoccupazione) se in possesso di un permesso di soggiorno per “attesa occupazione” disoccupati o inoccupati iscritti al Centro per l’Impiego e non percettori di prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito; percettori di prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito (cassintegrati, titolari di disoccupazione ordinaria o speciale e lavoratori in mobilità) con i limiti stabiliti dalla Legge n.15 del 27 febbraio 2014 di conversione del decreto legge n.150/2013, all’art. 8, comma 2ter; studenti maggiorenni regolarmente iscritti a corsi di studi diversi da quelli ricompresi nell’obbligo scolastico; pensionati (titolari di trattamento pensionistico); partecipanti non destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione; partecipanti immuni da condanne penali che ostino all’assunzione di pubblici impieghi.